Archivio per la categoria 'Real life'

Ott
06

Addio Steve..

Una immagine e tanta commozione..

Steve Jobs

Addio Steve, te ne vai lasciando un segno indelebile di te, in ogni prodotto, in ogni singolo dettaglio che amavi curare personalmente.. Te ne vai con la consapevolezza di aver raggiunto il tuo ambizioso obiettivo: cambiare il mondo. Ci mancherai..

Ott
16

Blog Action Day 2009 – Cambiamenti climatici

“Cosa può fare un singolo blog per cambiare il mondo?”

“Da solo, non molto..”

“Ma per fortuna, non siamo soli! Al mondo, ci sono un sacco di blog!”

E’ con questa premessa che vi comunico la mia adesione al Blog Action Day, un singolo giorno durante l’anno in cui tutti i blogger scrivono riguardo ad un singolo tema, contribuendo a sensibilizzare la rete (e non solo) su un problema che coinvolge l’intero pianeta. Il Blog Action Day 2009 è dedicato ai cambiamenti climatici.

Ott
27

Sei abruzzese se..

AbruzzoQuesto simpaticissimo testo, che rappresenta in maniera un po’ comica gli abruzzesi, mi è stato inviato da una amica per email e mi ha fatto sorridere parecchio; per questo ho deciso di riproporlo qui sul blog, sperando sia anche di vostro gradimento..

Sei abruzzese se..

.. mangi le rrostelle almeno 4 volte la settimana
.. parli il dialetto della tua zona
.. almeno 200000 volte nella tua vita hai detto a qualcuno “ngul a mammete”
.. tua mamma prima di uscire in moto la domenica ti fa: “ma dua cazza vi nc sa tuta da astronauta”
.. mangi le mazzarelle e li scrppell mbuss
.. mangi i panini di cuccitella
.. t piac lu cace e ove
.. a carnevale ti sborni come un asino suonando e cantando a ritmo di ddu bott
.. rispondendo al telefono dici prondo con 5 d
.. hai imparato prima a bere il vino e poi a camminare
.. ti danno del vegetariano e tu ti incazzi come una bestia rispondendo “ngul” seguito dal rigoroso “a mammete!”
.. passi alla stazione e c’è il concerto di Sting chiami subito a casa e dici: “A Mà Sting alla stazione” e lei “Aspittm a ess ca mo ti ving arpià!”
.. come dicono i vecchi saggi “dimmi di chi si lu fiij e ti dic chi t’arsumij” o anche “la razz razziej e li pazz pazziej”
.. “s’armort li luc a Crecchij”
.. al posto delle proteine tua madre ti fa l’ove sbattute
.. fere l’arie e s’annazzeche le piante
.. sai che Rocco è nostro!!!!!
.. sai che non solo Rocco tir li sberle a lu c*le!!!
.. sai che la tua regione è l’unica ad avere un porto dove si esce in retromarcia (V. Olivieri docet)
.. puoi avere 4 Antonio a casa, senza confonderli quando li chiami (Tonì, Andò, ‘Nonije, Tonine)
.. non conosci la domanda, ma sai che la risposta è: Montepulciano
.. sai che la carriola non è solo 1 mezzo di locomozione
.. la donna non la tratti con i guanti bianchi, ma a c**z e cazzutt!
.. quando sei fermo al semaforo con la moto ti affianca uno e ti dice: “oh, scurteche s’asfalte”
.. sei stato almeno 1 volta all’eremo di S. Bartolomeo e a S. Spirito
.. almeno 1 volta hai visto la Madonna che scappa
.. dopo esserti strafogato 1kg di pasta hai il coraggio di dire alla cuoca: “cacc ca è cott”, e al tempo stesso, velocizzare il servizio sennò “s’arifredd la ‘nzalat”!!

Voi abruzzesi vi rispecchiate in almeno una di queste?! Io in molte.. quindi mi sa proprio che sono un aBBBruzzese doc :-P

Mag
21

Prova su strada della Prius, l’auto ibrida della Toyota

La Prius è una automobile costruita dall’azienda giapponese Toyota ed è la più venduta tra le vetture ibride al mondo. Il lancio del primo modello di quest’auto avvenne in Giappone nel 1997, e nel mercato mondiale nel 2000. Alla fine del 2003, ne erano state vendute 160.000 in Giappone, in Europa e in Nordamerica.

In latino, prius è l’avverbio di tempo “prima” e l’aggettivo “primo”. Secondo il California Air Resources Board (il collegio californiano che studia le emissioni dei gas dei veicoli), la Prius (in tutti i modelli venduti dal 2000 al 2003) è una “SULEV” (Super Ultra Low Emission Vehicle, Veicolo a emissioni ultrabasse). Nel 2004 il modello ha ricevuto un restyling, diventando una solida berlina due volumi, ed è scesa ulteriormente di categoria, diventando una “AT-PZEV” (Advanced Technology Partial Zero Emission Vehicle, Veicolo di tecnologia avanzata con quasi zero emissioni), nonostante l’aumento nelle dimensioni.

In Europa, la Prius è stata giudicata auto dell’anno 2005.

Il grosso vantaggio di quest’auto è che possiede due motori: uno a benzina e uno elettrico: un sofisticato sistema di oltre 40 centraline controllano il consumo delle batterie in relazione all’uso del propulsore elettrico, e comandano l’accensione o la pausa del motore tradizionale, riducendo al minimo gli sprechi energetici. Cuore dell’autovettura è il sistema Hybrid Sinergy Drive (HSD), che permette l’ottimizzazione nella produzione e nell’uso dell’energia tra i due motori, nel tentativo (in gran parte riuscito) di recuperare i normali sprechi energetici di un’auto tradizionale. Ad esempio:
Continua la lettura di ‘Prova su strada della Prius, l’auto ibrida della Toyota’

Mag
12

Una prima nazionale di Dario Fo all’Università degli Studi di Teramo

Dario FoSarà una prima nazionale quella che Dario Fo ha riservato all’Università degli Studi di Teramo per l’appuntamento teatrale che il nobel italiano terrà mercoledì 14 maggio, alle ore 21.00, nell’Aula Magna del Campus di Coste Sant’Agostino.

Il nuovo spettacolo di Dario Fo si ispira al suo ultimo testo, L’apocalisse rimandata ovvero Benvenuta catastrofe!, pubblicato per Guanda e in libreria da fine aprile. Il racconto, centrato sui temi dell’emergenza ambientale, propone prospettive atroci e spassose, tanto azzeranti quanto liberatorie. Lo spettacolo sarà corredato dalla proiezioni dei disegni contenuti nel testo e firmati dallo stesso Dario Fo.

La serata rientra nel cartellone della “Primavera della Scienza”, organizzato dall’Università degli Studi di Teramo per potenziare, in linea con gli scopi degli interventi regionali, l’insegnamento delle materie scientifiche di base nelle scuole medie superiori, attraverso nuove strategie didattiche per accrescere negli studenti la comprensione del metodo scientifico quale strumento utile per decodificare notizie scientifiche e per interpretare le problematiche sociali attuali quali l’ambiente, le radiazioni elettromagnetiche, la teoria evoluzionistica di Darwin, la rivoluzione del DNA, la biologia molecolare applicata allo studio di patologie, la sicurezza degli alimenti.

Biglietti

Visto il limitato numero di posti in Aula Magna, i biglietti disponibili, che saranno gratuiti, potranno essere prenotati sino ad esaurimento a partire dalle ore 9.30 di lunedì 12 maggio direttamente on line, sul sito dell’università o ritirati nella sede di Viale Crucioli, presso l’Ufficio Comunicazione di Ateneo. Sarà comunque possibile seguire l’evento, anche senza prenotazione, da una delle aule accanto all’Aula Magna, collegate in diretta.

Io ho già provveduto a prendere due biglietti (e invitato Sara a vederlo, che ha rifiutato!!).. se siete nei dintorni, vi consiglio di non farvi sfuggire questa grande occasione!

Apr
04

Aiutiamo il piccolo Riccardo Bellani

Apprendo da Sara, della storia del piccolo Riccardo Bellani, un bimbo di 4 anni cerebroleso, che ha bisogno di cure specifiche.

I genitori del piccolo hanno bisogno di un aiuto economico e si sono attivati attraverso un blog dove troverete tutte le informazioni. Vi assicuro che sarà molto difficile restare indifferenti. Anche un piccolo contributo è un concreto passo in avanti.

Riccardo Bellani

Grazie.

Mar
25

Anche quest’anno.. ‘Spreco Meno Subito’

Nel mondo oltre un miliardo di persone non ha accesso all’acqua pulita e 2 milioni di bambini muoiono ogni anno a causa di malattie provocate dall’acqua sporca. Nel Nord del mondo si continua a sprecare acqua: consumiamo ogni giorno una media di 250 litri d’acqua a testa, mentre un contadino africano dispone di soli 20 litri di acqua per bere, mangiare, lavarsi, irrigare..In occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua (il 22 marzo), AMREF ha lanciato la nuova edizione di “Spreco Meno Subito”, una campagna di sensibilizzazione contro lo spreco dell’acqua e di raccolta fondi per portare acqua pulita ad un milione di Africani.

L’iniziativa, in collaborazione con la Federazione Italiana Giuoco Calcio e patrocinata dall’AIC, ha come testimonial e portavoce Demetrio Albertini, in prima linea a favore di un comportamento idrico responsabile. Albertini ha prestato il suo volto al cartoon della Campagna (http://www.amref.it/Locator.cfm?PageID=4644): con la telecronaca d’eccezione di Fabio Caressa, il protagonista affronta le buone regole per il risparmio idrico in chiave calcistica. Inoltre, Albertini è protagonista dello spot che diffonderà radiofonicamente gli obiettivi della campagna.

La raccolta fondi ha l’obiettivo di portare acqua e salute in Africa ad 1 milione di persone. Ridurre gli sprechi vuol dire anche risparmiare denaro: considerando il costo di acqua e metano/elettricità (necessari per l’acqua calda), seguendo 7 semplici regole per ridurre gli sprechi, visibili sul sito www.amref.it, si può risparmiare fino a 1 euro al giorno. Questi soldi diventano acqua pulita in Africa grazie al lavoro di AMREF: si trasformano in taniche per la raccolta dell’acqua, sostengono in parte la costruzione di un pozzo, di una cisterna, di un acquedotto, finanziano attività di microcredito.

Dal 18 marzo al 6 aprile sarà possibile partecipare alla raccolta fondi anche tramite un SMS solidale al numero 48588: il valore della donazione è 1 euro dai cellulari Tim, Vodafone, Wind e 3, e 2 euro da rete fissa Telecom Italia.

Io ho già inviato l’sms e invito anche voi a farlo. Se siete blogger e/o avete un sito web, oltre a mandare l’sms, potete fare di più.. inserendo uno dei banner della campagna (come quello qui sotto) o semplicemente parlandone un po’ sul vostro blog. Grazie.

AMREF

Mar
16

Questo blog è per il Tibet libero e contro lo svolgimento delle olimpiadi in Cina

Venerdi scorso, a 5 mesi dalle Olimpiade di Beijing, a Lhassa, capitale del Tibet, monaci buddhisti hanno subito violenze da parte del potere militare cinese. Morti e feriti, ma non si sa ancora quanti. La Cina, inoltre, ha lanciato un ultimatum ai manifestanti tibetani intimando di arrendetersi entro la mezzanotte di lunedì. Il presidente Hu Jintao deve fronteggiare un disastro di immagine nelle relazioni internazionali ed è probabilmente pronto ad avviare un’azione repressiva ancora più implacabile, se necessario: sa che le Olimpiadi sono a rischio di boicottaggio. Ma perfino l’importanza dei Giochi passa in second’ordine: il controllo strategico del Tibet, la repressione di ogni sfida politica al partito comunista, sono priorità assolute.

Free Tibet

Nel frattempo ieri, a Dharmasala, si è svolta una manifestazione pacifica con candele accese per evidenziare le recenti e continue violazioni dei diritti umani in Tibet e per esprimere, a nome del popolo tibetano in esilio, la volontà di ottenere libertà di espressione e una patria realmente autonoma.

Il Dalai Lama, intanto, ha chiesto aiuto al resto del mondo:

Continua la lettura di ‘Questo blog è per il Tibet libero e contro lo svolgimento delle olimpiadi in Cina’

Dic
21

Vivi come credi (di Charlie Chaplin)

C’era una volta una coppia con un figlio di 12 anni e un asino. Decisero insieme di viaggiare, di lavorare e di conoscere il mondo. Così partirono tutti e tre con il loro asino.

Arrivati nel primo paese, la gente commentava: “Guardate quel ragazzo quanto è maleducato… lui sull’asino e i poveri genitori, già anziani, che lo tirano!
Allora la moglie disse a suo marito: “Non permettiamo che la gente parli male di nostro figlio.
Il marito lo fece scendere e salì sull’asino.

Arrivati al secondo paese, la gente mormorava: “Guardate che svergognato quel tipo… lascia che il ragazzo e la povera moglie tirino l’asino, mentre lui vi sta comodamente in groppa.
Allora, presero la decisione di far salire la moglie, mentre padre e figlio tenevano le redini per tirare l’asino.

Arrivati al terzo paese, la gente commentava: “Povero uomo! Dopo aver lavorato tutto il giorno, lascia che la moglie salga sull’asino; e povero figlio, chissà cosa gli spetta, con una madre del genere!
Allora si misero d’accordo e decisero di sedersi tutti e tre sull’asino per cominciare nuovamente il pellegrinaggio.

Arrivati al paese successivo, ascoltarono cosa diceva la gente del paese: “Sono delle bestie, più bestie dell’asino che li porta: gli spaccheranno la schiena!

Alla fine, decisero di scendere tutti e camminare insieme all’asino. Ma, passando per il paese seguente, non potevano credere a ciò che le voci dicevano ridendo: “Guarda quei tre idioti; camminano, anche se hanno un asino che potrebbe portarli!

Conclusione: ti criticheranno sempre, parleranno male di te e sarà difficile che incontri qualcuno al quale tu possa andare bene come sei. Quindi: vivi come credi.
Fai cosa ti dice il cuore… ciò che vuoi… una vita è un’opera di teatro che non ha prove iniziali.
Quindi: canta, ridi, balla, ama… e vivi intensamente ogni momento della tua vita… prima che cali il sipario e l’opera finisca senza applausi.




Seguici anche su Facebook

Per visualizzare questo contenuto è necessario accettare i cookie inviati dai Social Network.
Clicca qui per abilitare tutti i cookie per questo sito web.

Hai bisogno di un sito web?

Web&Dintorni