Archivio per novembre, 2008

Nov
27

Discorsi tra informatici..

Entrando in ufficio con il mio collega Vittorio e non trovando il pezzettino di legno che utilizziamo per tenere aperta la porta (da qui in poi, chiamato cogno) esclamo:

Cavolo, hanno traslocato anche il cogno della porta!

Lui subito controbatte:

Se ti manca, scrivila questa libreria, chiamala “cogno.h”!

Nov
24

Weekend al RomaCamp2008 raccontato in pillole e in perle

Il mio weekend romano raccontato in pillole..:

Venerdì 21

Io e Sara siamo arrivati a Roma alle 12, posato le valigie in albergo, veloce rinfrescata e poi ci siamo diretti all’Università Roma Tre. Fatto il check-in al banco dell’accoglienza all’ingresso, ci siamo diretti al piano superiore per inserire il mio intervento. Scelgo sabato alle 14.30, mi sembra un ottimo orario e non ci sono altri interventi tecnici allo stesso orario. C’è solo uno strano Barack Obama che terrà un intervento alla stessa ora, ma non me ne preoccupo troppo perchè so che è uno scherzo! Facciamo pranzo al bar/mensa dell’università, incontriamo qualche “vecchio” amico tra cui Pietro e Silvia e poi via a vedere gli interventi del pomeriggio. Quello che mi è piaciuto di più è stato quello di Luca Mascaro su Interfacce adattative, mobilità e contesti d’uso, ma bello anche quello di Luca Mearelli su OpenWeb e di Tony Siino su Snabi, una social network analysis di una parte della blogosfera italiana.

Dopo una bella doccia e un po’ di relax in hotel, serata tranquilla passata in compagnia davanti ad una pizza ed una birra Al Peperoncino.

Sabato 22 Continua la lettura di ‘Weekend al RomaCamp2008 raccontato in pillole e in perle’

Nov
19

RomeCamp2008, arriviamo!

RomeCamp2008Il RomeCamp2008 è una conferenza che intende esplorare il futuro attraverso le idee di chi vi partecipa. L’evento è organizzato con il format del barcamp, una tipologia di incontro che prevede un’attiva partecipazione degli spettatori che sono chiamati a diventare anche relatori, perché le idee che cambiano le persone e il mondo possono nascere ovunque. Insomma, non è la classica conferenza in cui esiste un tema prefissato e una rigida scaletta degli interventi e degli argomenti da trattare.

C’è comunque una traccia che è: idee per il futuro: ambiente, tecnologia, società.

Il RomeCamp2008 si terrà il 21 e 22 novembre presso la Facoltà di Economia dell’Università degli Studi Roma Tre. Io e Sara ci saremo ed io terrò anche un talk dal titolo: L’Open Source entra nell’E-Learning.

Insomma, se non avete niente da fare il prossimo weekend, venite al RomeCamp2008, così sarà anche una buona occasione per conoscerci di persona! ;-)

Per iscrizioni e informazioni: http://barcamp.org/romecamp2008
Il blog dell’evento: http://www.romecamp.it

Nov
16

Links della settimana (69)

Come ogni lunedì, ecco una accuratissima selezione di links che pongo alla vostra attenzione:

Nov
14

Fabrizio Paterlini: musiche per pianoforte (e per l’anima)

Fabrizio PaterliniDiverse volte su questo blog ho parlato di artisti e album musicali famosi. Questa volta, invece, vi parlerò di un un pianista giovane, poco famoso, ma non per questo, almeno secondo il mio modestissimo parere, meno bravo dei suoi colleghi più blasonati come Einaudi, Allevi, … .

L’ho scoperto per caso, ieri sera, sbirciando su Last.fm. Il primo brano che ho ascoltato è Colori e le sue note mi hanno immediatamente conquistato ed emozionato. Immagino vi starete chiedendo chi sia: l’artista in questione si chiama Fabrizio Paterlini e la sua musica si ispira alle sonorità di Ludovico Einaudi, Yann Tiersen, Michael Nyman e molti altri.

La musica di Fabrizio Paterlini è stata definita ambient, minimalista, gentile, dolce e rilassante; lui, invece, la definisce con queste splendide parole: “La mia musica e’ una suggestione. Spazi infiniti, echi profondi, nuvole e azzurro. E’ un bicchiere di vino rosso in una notte d’estate e il suono delle cicale che accompagna le parole..“. Nel 2008, ha rilasciato, sotto licenza Creative Commons (e quindi liberamente scaricabile dal suo sito e distribuibile), l’EP Viandanze, anteprima del vero e proprio “full LP”, che sarà pubblicato nel corso del 2009. Nel 2007, invece, ha rilasciato il suo cd d’esordio Viaggi in aeromobile, pubblicato con etichetta Music Center, che è davvero un album bellissimo, che vi catapulterà nel suo mondo e vi sorprenderete di quanto sia piacevole lasciarsi trasportare dalle sue note.

Concludendo se, come me, adorate il piano, vi consiglio assolutamente di ascoltate le composizioni di questo artista e vi raccomando di farmi sapere se anche voi siete rimasti conquistati dalle sue note!

Nov
10

Links della settimana (68)

Come ogni lunedì, ecco una accuratissima selezione di links che pongo alla vostra attenzione:

Nov
04

Gli 8 motivi per effettuare il Jailbreak (sblocco) dell’iPhone 3G

iPhone-unlockIl jailbreak di un iPhone 2G/3G o di un iPod Touch (da qui in poi iTouch) è quella procedura che svincola il dispositivo dalle restrizioni imposte da Cupertino ed è una procedura piuttosto delicata; si guadagna in libertà, ma si perde la garanzia e, in qualche raro caso, si rischia di rendere inutilizzabile il telefono (brick).

Esiste una buona ragione per cui procedere al Jailbreak nonostante tutto ciò? Io ne ho trovate ben 8!

#1: evitare i controlli Apple

Non so a voi, ma a me infastidisce molto l’idea che Apple possa controllare cosa installo sul mio iPhone/iTouch e che potrebbe addirittura bloccarmi determinate applicazioni. Ecco come liberarsi dal grande fratello Apple.

#2: risolvere bug del sistema operativo

Il sistema operativo dell’iPhone/iTouch non è esente da bugs. Chi effettua il Jailbreak, almeno in alcuni casi, può risolverli (magari con qualche applicazione di terze parti) o, per lo meno, cercare di bypassarli.

#3: sopperire alle mancanze del sistema operativo

E mi riferisco, ad esempio, all’impossibilità di ricevere ed inviare MMS (è possibile grazie ad una applicazione che si chiama SwirlyMMS), di fare video, di effettuare registrazioni vocali, etc. etc.

#4: Cydia e Installer

Ci sono un sacco di programmi aggiuntivi a disposizione di chi effettua il Jailbreak: queste sono applicazioni che solitamente Apple non ha accettato per l’Appstore o perchè non seguono le regole di sviluppo Apple (che in alcuni casi sono quasi ridicole) oppure perchè lo sviluppatore non ha pagato 100$ per vedere redistribuita la sua applicazione. E nella stragrande maggioranza dei casi, le applicazioni sono assolutamente GRATUITE.

#5: sfruttare al massimo l’iPhone

Non so a voi, ma a me infastidice molto l’idea che Apple abbia deciso per me cosa possa si fare con l’iPhone/iTouch e cosa no. Il Jailbreak “apre” il sistema e vi permette, ad esempio, di installare il server ed il client SSH (per potersi connettere, via SSH, DA e A l’iPhone), un Terminale in puro stile UNIX, software aggiuntivi per la gestione della connessione WiFi e così via..

#6: installare applicazioni crackate

Sul fatto che non sia etico farlo siamo d’accordo, sul fatto che sia illegale pure, ma avere almeno la libertà mentale di poter fare quello che mi pare col mio Melafonino, non ha prezzo!!

#7: personalizzare il look dell’iPhone

Siete stufi del classico sfondo nero?! Stufi delle classiche icone?! Ci sono applicazioni, come Summerboard, che permettono di modificare l’aspetto grafico del vostro iPhone/iTouch in modo da renderlo più vicino alle vostre esigenze e ad i vostri gusti.

#8: disattivare il blocco operatore

Per sbloccare l’iPhone è comunque necessario effettuare il Jailbreak.

Come effettuare il Jailbreak

Ammettendo che vi abbia convinto, qui troverete tutte le istruzioni per farlo.

Fonte di ispirazione: Tutto iPhone

Nov
03

Links della settimana (66 e 67)

Come ogni lunedì, ecco una accuratissima selezione di links che pongo alla vostra attenzione:




Seguici anche su Facebook

Per visualizzare questo contenuto è necessario accettare i cookie inviati dai Social Network.
Clicca qui per abilitare tutti i cookie per questo sito web.

Hai bisogno di un sito web?

Web&Dintorni