Archivio per febbraio, 2008

Feb
29

Dietro l’angolo..

Un’amica mi ha mandato un’email il cui messaggio è davvero profondo e quanto mai vero (tralasciamo il fatto che è la classica catena di sant’Antonio).

Tralasciate, per qualche minuto, i vostri numerosi impegni e leggete con attenzione..

Dietro l’angolo io ho un amico, in questa bella città che non ha fine.
Già, i giorni passano e le settimane trascorrono veloci e prima che io riuscissi a capirlo, è passato un anno e io non ho mai più rivisto la faccia del mio vecchio amico.
Perchè la vita è una corsa veloce e terribile.
Lui sa di piacermi ancora tanto, come nei giorni in cui suonavo il suo campanello e lui suonava il mio, quando eravamo più giovani di ora che siamo uomini stanchi e annoiati.
Stanchi di giocare ad uno stupido gioco, stanchi di cercare di farci un nome.
“Domani”, dissi, “chiamerò Jim solo per mostrargli che lo penso ancora” e rimandai a domani e al domani dopo.. la distanza tra noi crebbe e crebbe.. oh, dietro l’angolo.. ma già lontani miglia e miglia.
“Qui c’è un telegramma, signore”: “Jim è morto oggi”.
E questo è quello che ci siamo meritati alla fine.
Dietro l’angolo, un amico perso.
Ricordati di dire sempre quello che pensi.
Se tu ami qualcuno, DIGLIELO.
Non avere paura di esprimerti.
Esci e dì a tutti quello che devi dire loro.
Perchè quando deciderai che sarà il momento giusto, sarà troppo tardi.
Impossessati del giorno.
Non ripensarci mai.
E, molto importante, stai vicino a tutti i tuoi amici e alla tua famiglia, perchè ti hanno aiutato a diventare quello che sei.

Feb
27

Due software gratuiti e open source per il ‘Text to Speech’ (TTS)

Qualche giorno fa, per esigenze di lavoro, mi sono messo alla ricerca di software ‘Text to speech’ (traducibile in italiano in ‘dal testo al parlato’), ovvero capace di leggere con una voce umana sintetizzata un testo scritto, riproducendo i suoni corrispondenti al testo.

Le mie esigenze erano:

  • software gratuito o open source funzionante su Windows XP
  • buona sintetizzazione della voce umana
  • possibilità di esportare il lavoro in mp3 e/o wav e/o ogg

Dopo numerose ricerche, sono stati 2 i software che hanno soddisfatto tutte le mie esigenze:

DSpeech

progettato (da un italiano) specificamente per fornire in maniera rapida e diretta le funzioni di maggiore utilità pratica che si richiedono ai programmi di questo tipo, mantenendo al contempo al minimo l’invasività e il consumo di risorse (non si installa, non si integra nel sistema, è leggerissimo, si avvia in un attimo e non scrive niente nel registro). Le sue principali caratteristiche sono queste:

  • permette di salvare l’output sotto forma di un file Wav, Ogg o Mp3
  • permette di selezionare rapidamente voci diverse e combinarle tra loro per creare dialoghi fra più voci
  • integra un sistema di riconoscimento vocale che, tramite un semplice linguaggio di script, consente di creare dialoghi interattivi con l’utente
  • permette di configurare le voci in maniera indipendente
  • tramite appositi TAG, consente di variare dinamicamente le caratteristiche delle voci durante la riproduzione (velocità, volume e frequenza), inserire pause, enfatizzare termini o fare lo spelling
  • permette di catturare e riprodurre automaticamente il contenuto del ClipBoard
  • supporta tutti gli engine vocali compatibili con SAPI 4 e 5.

eSpeak

software multi-linguaggio, open source e che funziona sia su Windows che su Linux. Le sue principali caratteristiche sono queste:

  • comprende varie voci le cui caratteristiche possono essere variate
  • dimensione compatta. Programma e dati occupano circa 700 kByte
  • può registrare l’output su file WAV.
  • può scomporre il testo in fonemi, quindi può essere usato come interfaccia per altri motori di sintesi vocale
  • possibilità di riprodurre più lingue. È incluso il supporto rudimentale (e forse ridicolo) per il tedesco e l’esperanto
  • la versione per Windows supporta tutti gli engine vocali compatibili con SAPI 5.

Concludendo, se avete bisogno di un software TTS e non volete spendere decine di euro per un software commerciale, sono sicuro che questi programmi fanno esattamente al caso vostro! Mi raccomando: provateli e fatemi sapere come vi sembrano! ;-)

Feb
25

Links della settimana (31)

Come ogni lunedì, ecco una accuratissima selezione di links che pongo alla vostra attenzione:

Feb
23

Perle di saggezza (8)

Torna la rubrica “Perle di saggezza”, pensieri su cui riflettere:

  • Fate conto che un orafo prenda le tenaglie e metta dell’oro nella fornace per fonderlo. Se soffierà troppo sul fuoco, lo riscalderà troppo, e parimenti se spruzzerà troppa acqua, lo raffredderà. Se lo toglierà continuamente dal fuoco per esaminarlo, ugualmente non raggiungerà il risultato voluto. Ma se farà tutte queste cose al momento opportuno, conoscendo la natura dell’oro, riuscirà a lavorarlo e a renderlo brillante con facilità. Nello stesso modo, ci sono tre qualità cui un praticante dovrebbe prestare attenzione: la concentrazione, la determinazione e l’equanimità. Se presterà a queste qualità la giusta attenzione al momento giusto, la sua mente diventerà come l’oro, modellabile, brillante e pura. (Anguttara Nikaya III, 103, Nimitta Sutta)
  • Dovremmo usare la sofferenza, per quanto dura, come occasione, come palestra, per imparare a riconoscere l’essenza di noi stessi. (Praj)
  • Si dice che ci siano solo due tragedie nella vita: non ottenere ciò che si vuole, e ottenerlo. (Bhante Henepola Gunaratana)
  • Quanta parte della tua vita trascorri in attesa di essere in qualche altro posto? (Matthew Flickstein)
  • È sconsigliabile essere troppo sicuri della propria saggezza. È salutare invece ricordarsi a che i più forti possono indebolirsi e che i più saggi possono sbagliare. (Mohandas Karamchand Gandhi)
  • Se vuoi che gli altri siano felici, pratica la compassione. Se vuoi essere felice tu, pratica la compassione. (Tenzin Gyatso, XIV Dalai Lama)

Fonti: Perle di saggezza e Risveglio Interiore

Feb
21

Come resettare la Fonera

Lo so che potrebbe sembrare una cosa quanto mai scontata e banale, ma c’è chi continua a chiedermi come eseguire questa semplicissima procedura. Per evitare di rispondere ogni volta a tale domanda, mi sono convinto a scrivere la risposta in un post! ;-)

Ma a cosa serve esattamente il reset?! Anzitutto permette di eliminare completamente la parte scrivibile del firmware ovvero dove vengono memorizzare le configurazioni della Fonera e le eventuali patch di FON e poi può essere utile per fare un downgrade del firmware e riportarlo alla versione “di fabbrica” (al fine di poter aprire agilmente la porta SSH).

Vediamo come fare tale operazione:

  1. accendete la Fonera e lasciatela funzionare per qualche minuto
  2. premete (e tenete premuto) con una penna sul pulsantino di reset posto sotto l’apparecchio per circa 1 minuto affinchè i led Internet e Wlan si spengano
  3. non appena il led Internet ricomincia a lampeggiare, date una seconda pressione sul tasto di reset per circa 10 secondi (giusto per sicurezza)
  4. togliete la corrente.
  5. ricollegatela, et voilà, reset completato!

Ah, dimenticavo, se avete già l’accesso SSH alla Fonera, potete effettuare il reset semplicemente digitando il comando:

# rm -fr /jffs

(ovviamente omettendo il # che sta solo ad indicare la shell root!)

P.S. il reset funziona anche nel caso in cui abbiate installato firmware diversi da quello di fabbrica, come dd-wrt, OpenWrt, ecc.

Feb
18

There is something in the air..

Steve Jobs mi perdoni per avergli spudoratamente copiato la frase, ma descrive benissimo l’aria di rinnovamento che tira sul blog..!

Stay tuned ;-)

AGGIORNAMENTO DELLE 23.25 DEL 19/02/2008

Ecco a voi il nuovo look del blog! C’ho lavorato parecchio, nell’ultimo mesetto, al fine di personalizzare pesantemente il tema sul quale mi sono basato.

Allora, cosa ne pensate? Meglio questo o quello precedente?! Consigli/critiche/insulti/segnalazioni di mal funzionamenti sono assolutamente ben accetti! ;-)

Feb
18

Links della settimana (30)

Come ogni lunedì, ecco una accuratissima selezione di links che pongo alla vostra attenzione:

Feb
13

Come installare con facilità il firmware che preferite sulla Fonera senza dover aprire la porta SSH

Qualche giorno fa, sul sito degli amici di WiFi-Ita, è stato postato un articolo davvero interessantissimo e rivoluzionario: fino a poco tempo fa, per installare un firmware diverso da quello di fabbrica sulla Fonera, era necessario o disporre di un cavo seriale oppure “hackerarla” per aprire la porta SSH (quando possibile ovviamente, visto che sulle ultime versioni del firmware lo è) e poi eseguire tutta una serie di operazioni per accedere a RedBoot e poter finalmente installare il firmware desiderato. Oggi, udite udite, tutto questo è possibile senza particolari difficoltà, con dei semplici programmini per Windows e, soprattutto, senza alcun problema di firmware (recenti o vecchi che siano)!

Lo so, non state più nella pelle e volete subito testare con mano questa nuova tecnica! Eccovi eccontentati, seguite alla lettera questa guida e.. buon divertimento ;-)

AGGIORNAMENTO DELLE 22.25

indy, nei commenti, mi ha fatto notare che l’utility ap-51 utilizzata nella guida è disponibile anche per linux (qui è reperibile una guida dell’applicazione in inglese) e anch’essa, come nella versione per Windows, contiene già un firmware al suo interno che viene installato se non se ne seleziona uno alternativo. Grazie mille per la segnazione ;-)

AGGIORNAMENTO DEL 17/02/2008

bulgarion, nei commenti, mi ha fatto notare due cose molto importanti:

  1. coloro che hanno fatto il primo flash con questo metodo (quindi senza aver mai cambiato il firmware della Fonera precedentemente), è consigliabile tenere premuto il pulsantino di reset quando si collega l’alimentazione (con il software avviato e la rete già collegata) e di mantenerlo premuto finchè il flash non parte da solo: così facendo si abilita un’opzione di RedBoot “Accept Flash Mode” che permette di evitare di “mezzobrickare” la Fonera
  2. in caso di brick si può tranquillamente recuperare la fonera senza il cavo seriale, semplicemente riflashandola tenendo premuto il pulsantino di reset all’avvio della Fonera.

Ringrazio sentitamente bulgarion per le importantissime precisazioni ;-)

AGGIORNAMENTO DEL 19/02/2008

ATTENZIONE: in alcuni casi, ed in particolare sulla Fonera modello 2100, questo hack potrebbe non funzionare se non viene prima abilitato l’accesso telnet a RedBoot come indicato in questo articolo.

AGGIORNAMENTO DEL 08/03/2008

Stefano, nei commenti, mi ha segnalato che, con la versione 2200, l’utility ap51 si blocca nella creazione della nvram. In tal caso potete risolvere il problema seguendo questo “trucchetto”.

Feb
11

Links della settimana (29)

Come ogni lunedì, ecco una accuratissima selezione di links che pongo alla vostra attenzione:




Seguici anche su Facebook

Per visualizzare questo contenuto è necessario accettare i cookie inviati dai Social Network.
Clicca qui per abilitare tutti i cookie per questo sito web.

Hai bisogno di un sito web?

Web&Dintorni