Archivio tag per 'telecom'

Nov
13

Come impedire il timeout delle connessioni SSH ad un server Linux

Router AliceNella mia azienda, dove ho Alice ADSL di Telecom, mi succede abbastanza spesso che una connessione SSH ad un determinato server remoto Linux, vada in timeout (in pratica la connessione si chiude), non permettendo la conclusione del comando in esecuzione sul server remoto (il che, a volte, può avere conseguenze non troppo piacevoli). Questo problema deriva dal fantastico (!) router di Telecom: l’Alice Gate VOIP 2plus.

Ma, fortunatamente, c’è una soluzione: inviare al server un pacchetto di NO-OP ogni tot secondi così da impedire al router di chiudere la connessione.

Possiamo specificare il comando ogni volta che avviamo una connessione SSH, come indicato di seguito (in questo caso il pacchetto di NO-OP verrà inviato ogni 15 secondi):

ssh user@host -o ServerAliveInterval=15

oppure rendere la modifica permanente aggiornando il vostro file .bashrc (ammesso che utilizziate la Shell BASH) come indicato di seguito:

alias ssh=”ssh -o ServerAliveInterval=15″

 

 

Dic
16

ADSL e filtri sulle porte

Sono davvero moltissimi i provider che da alcuni mesi a questa parte hanno iniziato ad applicare pesanti limitazioni alle connessioni ADSL, rallentando o bloccando del tutto la connessione alla rete, nel caso venisse rilevato traffico peer-to-peer (p2p): il caso più eclatante è quello di Libero (il mio ISP).

Ma perchè i provider filtrano le porte? Semplicemente perchè ben oltre la metà del traffico Internet a livello mondiale è generato dai software p2p nelle sue varie forme (in realtà il protocollo ed2k, ovvero quello utilizzato da aMule/eMule, è il più diffuso per questa attività); questo, per un provider, si traduce in una saturazione della banda disponibile e una conseguente inadeguatezza strutturale (troppo traffico generato rispetto alla banda disponibile). In più, nella babele delle nuove leggi, pare che anche il provider possa essere considerato parte attiva nella violazione della proprietà intellettuale (perchè si sa, che spesso e volentieri dai protocolli p2p si scarica roba coperta dai diritti d’autore). I due motivi citati, sono più che sufficienti per portare molti operatori ad inibire l’utilizzo di questi software.

Cosa implicano queste limitazioni per l’utente finale? Semplicemente, risulta quasi impossibile scaricare dai protocolli p2p, oppure si raggiungono al massimo qualche decina di kbyte al secondo.

Per la vostra felicità, però, vi comunico che c’è un piccolo escamotage per cercare di raggiungere velocità non dico normali, ma per lo meno decenti anche se la vostra ADSL filtra le porte p2p: basta configurare il programma di file sharing in modo da utilizzare la porta 1755 (tcp & udp) invece delle standard 4662 e 4672 (per quando riguarda aMule/eMule)!

Escamotage a parte, mi sorgono spontanee le seguenti domande:

  • perchè siamo il paese in Europa nel quale l’ADSL costa di più e il servizio è uno dei peggiori?
  • come si permettono i provider ad implementare i filtri descritti sopra senza che, sul contratto, non ci sia alcun accenno a questa limitazione (almeno l’utente finale potrebbe effettuare le scelta dell’operatore anche e soprattutto in base a tali limitazioni!)?
  • chi obbliga i provider ad offrire dei servizi che poi non riescono a mantenere per problemi loro strutturali? Mi spiego meglio con un esempio: Libero mi vende una adsl 4 Megabit (teorici ovviamente) a 29.95 euro mensili, che poi praticamente non sono neanche 2 Megabit, e di questi, non posso farci neanche quello che voglio?

Ovviamente io, come tantissimi altri utenti, ho contatto l’assistenza di Libero per chiedere spiegazioni, ma la risposta/giustifazione che abbiamo avuto è sempre stata questa:

Continua la lettura di ‘ADSL e filtri sulle porte’




Seguici anche su Facebook

Per visualizzare questo contenuto è necessario accettare i cookie inviati dai Social Network.
Clicca qui per abilitare tutti i cookie per questo sito web.

Hai bisogno di un sito web?

Web&Dintorni