Archivio per novembre, 2007

Nov
29

Resoconto del concerto di Biagio Antonacci di Roseto del 28 novembre

Ormai ci ho preso gusto: dopo il concerto di Ligabue di una decina di giorni fa, questa sera ho assistito a quello di Biagio Antonacci che si è tenuto al Palamaggetti di Roseto degli Abruzzi (TE) per il Vicky Love Tour 2007. Circa 3000/4000 i presenti (almeno ad occhio) che hanno riempito il palasport e sostenuto a gran voce il cantante milanese.

Biagio ha inserito in scaletta i suoi successi più recenti come E’ soffocamento (che ha aperto la serata), Lascia stare, Sognami e Coccinella (accompagnato da una ballerina all’interno di una sfera di plastica trasparente) e, per la gioia del pubblico presente, le canzoni che lo hanno reso celebre come: Così presto no, In una stanza quasi rosa, Mi fai stare bene, Se io se lei, Se è vero che ci sei, Iris, Convivendo, Liberatemi, Pazzo di lei, Non ci facciamo compagnia, Sappi amore mio, Non è mai stato subito, Angela, etc. etc.

Due ore di grande musica per un concerto intimo e nostalgico nonchè estremamente emozionante (almeno per quanto mi riguarda), dove i sentimenti e l’amore hanno fatto da padrone. Unica nota negativa della serata l’acustica scarsa del Palamaggetti almeno per quanto riguarda la mia posizione, ovvero in alto nella tribuna laterale destra.

P.S. anche stavolta, ho scattato tantissime foto, datemi il tempo di selezionare le migliori e le convididerò con voi con molto piacere.

AGGIORNAMENTO DELLE 15.05

Dalle statistiche ho notato che questo è l’articolo più letto (di oggi) di questo blog. Sare bello se, chi passasse di qui, lasciasse un commento con le proprie impressioni sul concerto e/o un semplice saluto. Avanti, non siate timidi :-)

AGGIORNAMENTO DELLE 23.42

Il “reportage fotografico” è online: potete provarlo nella Foto gallery!

Nov
28

Un SMS per aiutare il Bangladesh

Raccolgo con piacere l’appello di Giovy per aiutare il Bangladesh colpito, quasi due settimane fa, dal ciclone Sidr che ha procovato, almeno secondo le stime attuali, oltre 4000 morti e 3 milioni di senzatetto. Il bilancio ufficiale relativo ai danni alle abitazioni parla di più di 300000 case distrutte e circa 600000 seriamente danneggiate. Una situazione di precarietà che accomuna oltre 1 milione di famiglie e centinaia di migliaia di bambini e li condanna, in assenza di concreti e immediati aiuti, alla fame, alla disperazione, al rischio epidemie.

Una situazione dalla quale difficilmente riusciranno, da soli, a risollevarsi.

E’ possibile offrire il proprio sostegno fino al 5 dicembre inviando un SMS del valore di 1 euro al numero 48581 (valido per gli operatori Tim, Vodafone e Wind) o chiamando lo stesso numero da rete fissa Telecom Italia per donare 2 euro.

E’ inoltre possibile inviare somme maggiori tramite bonifico, posta o donazioni online (per ulteriori informazioni clickate qui).

Bangladesh

Concludendo vi invito, come ha già fatto Giovy, a “spargere la voce” al fine di fornire un aiuto concreto a queste persone decisamente meno fortunate di noi. Grazie.

Fonte immagine: Tendenze online

Nov
27

Contest: The Apple Lounge regala un iPhone!

Chi segue da un po’ questo blog, sa che non amo partecipare ai contest nè ai meme, ma questa volta non ho saputo proprio resistere: The Apple Lounge ha indetto un contest nel quale mette in palio il fantastico iPhone della Apple.

iPhone

Mi raccomando, incrociate le dita per me! :-P

Nov
26

Links della settimana (18)

Come ogni settimana, ecco una nutrita ed accurata selezione di links che pongo alla vostra attenzione:

Nov
21

Perle di saggezza (3)

Come ogni settimana, torna la rubrica Perle di Saggezza, pensieri su cui riflettere..

  • Un uomo che va cercando Dio è nelle stesse condizioni di un pesce che, pur essendovi immerso, cerca il mare. (Praj)
  • Se non ti accetti totalmente per quello che sei non potrai mai conoscere te stesso. E non puoi accettare te stesso se non ti conosci per quello che sei. (Praj)
  • La certezza di amare può essere espressa soltanto quando il dono è disinteressato, non pretende nulla in cambio ed è senza aspettative di sorta; quando si rivolge soprattutto alla dimensione essenziale dell’altro. (Praj)
  • La visione dell’interdipendenza apporta una grande apertura mentale. In generale, invece di renderci conto che ciò che sperimentiamo nasce da una complessa rete di cause, tendiamo ad attribuire la felicità o la tristezza – per esempio – a singole fonti individuali. Ma se così fosse, non appena entrassimo in contatto con ciò che riteniamo sia il bene, saremmo automaticamente felici e – viceversa – in caso di cose cattive, sempre tristi. Le cause della gioia e del dolore sarebbero facili da individuare e da raggiungere. Sarebbe tutto molto semplice e non vi sarebbe alcun motivo per la rabbia e l’attaccamento. Quando, d’altra parte, consideriamo che tutto ciò che sperimentiamo risulta da una complessa interazione di cause e condizioni, comprendiamo che non esiste una sola cosa da desiderare o da respingere, ed è più difficile per le afflizioni della rabbia o dell’attaccamento insorgere. In questo modo il punto di vista dell’interdipendenza rende la nostra mente più rilassata e aperta. (Tenzin Gyatso, XIV Dalai Lama)
  • Il destino che fa diminuire la prosperità aumenta l’ignoranza; il destino che diminuisce la perdita, espande la conoscenza. (Tirukkural XXXVIII)

Fonti: Perle di saggezza e Risveglio Interiore

Nov
19

Links della settimana (17)

Come ogni settimana, ecco una accurata selezione di links che pongo alla vostra attenzione:

Nov
18

Resoconto del concerto di Ligabue di Roma del 17 novembre

Finalmente il giorno tanto atteso è arrivato, ecco un dettagliato resoconto: partenza da casa (Mosciano Sant’Angelo) alle 14.15 circa con “il salottino a 4 ruote” (ovvero la Mercedes ML) di Agostino, rapido stop per “caricare” Roberto e poi dritti verso Roma. Visto il largo anticipo sulla tabella di marcia, abbiamo fatto una piccola sosta al centro commerciale Roma Est (sì, questo era una dei motivi principali.. almeno per me e Roberto!) e poi via verso il Palalottomatica dove sia arrivati alle 18 circa. Fortunatamente abbiamo trovato il parcheggio proprio di fronte al palazzetto e via alla cassa accrediti di Ticketone per ritirare i biglietti; ci siamo messi in fila che non erano neanche le 18.30 e abbiamo aspettato, con un vento gelido che penetrava le nostre ossa, le 19.30 quando, finalmente, siamo entrati.

Il primo impatto con l’interno del Palalottomatica è stato davvero emozionante: la struttura è grandissima e bellissima. Attendiamo con ansia l’inizio del concerto, ma Liga non si fa attendere poi molto, iniziando alle 21.05 con solo 5 minuti di ritrardo sulla tabella di marcia. Impossibile descrivere le emozioni provate fin dalle prime note.. ma vi assicuro che i 60 euro del biglietto e la trasferta di 450 km sono stati ampiamente ripagati :-)

Liga ha cantato quasi tutti i singoli del nuovissimo album Primo Tempo (come Balliamo sul mondo, Certe notti, Urlando contro il cielo, Ho messo via, Bambolina e barracuda, Bar Mario, Lambrusco e pop corn e Marlon Brando è sempre lui), i successi dello scorso album (come Il giorno dei giorni, Happy hour, Le donne lo sanno, …), le “classiche” Gli ostacoli del cuore, Tutti vogliono viaggiare in prima, Metti in circolo il tuo amore, Radiofreccia, Si viene e si va e i due bellissimi inediti Niente paura e Buonanotte all’Italia (quest’ultimo utilizzato per concludere il concerto e accompagnato da una scenografia a dir poco fantastica nella quale sono stati ricordati quasi tutti gli uomini che “hanno fatto l’Italia” nel recente passato).

Ho scattato tantissime foto e un piccolo video (di bassa qualità) sulle note di Certe notti, datemi il tempo di riorganizzare il tutto e di selezionare le foto migliori e le convididerò con voi con molto piacere.

Comunque una cosa è certa: ora ascoltare le canzoni del Liga fa tutto un’altro effetto..

UPDATE DELLE ORE 23.35

Il “reportage fotografico” è online: potete provarlo nella Foto gallery!

UPDATE DELLE ORE 00.32

Ora anche il video è online: potete trovarlo su Youtube (vi avviso che la qualità sia video, ma soprattutto audio, non è proprio il massimo)!

Nov
16

Scoprite qual è il vostro senso prevalente con un test

Se qualcuno vi chiedesse qual è il vostro senso prevalente cosa rispondereste?! Non è così facile rispondere, vero?! Il nostro cervello, invece, lo sa: ognuno di noi tende a prediligerne uno rispetto agli altri e le nostre azioni vengono influenzate di conseguenza: percepiamo quanto ci circonda dando precedenza a un senso e il giudizio sul come muoverci va di conseguenza.

Con questo breve test di Magnaromagna potete scoprire qual è, tra i cinque sensi, quello che caratterizza la vostra personalità.

Io sapevo già di essere “un uditivo” e il test l’ha confermato. E il vostro senso prevalente, invece, qual è?!

Nov
14

Windows: come accedere e salvare i dati di un disco che da ‘Accesso negato’

Hard diskChi “smanetta” molto con il computer (per lavoro o per divertimento), si sarà sicuramente trovato a dover reinstallare diverse volte il sistema operativo. In questi casi è noto che, prima di procedere alla formattazione e alla reinstallazione, occorre salvare i dati importanti.

Ma come fare se non si riesce più ad accedere al sistema operativo, neanche dalla modalità provvisoria? In questo caso, per prima cosa, bisogna staccare il disco dal computer e collegarlo ad un altro computer. Tuttavia, così facendo, si presenterà subito un altro problema: quando cercherete di accedere ai dati presenti sul disco vi apparirà questo messaggio d’errore “Impossibile accedere a … Accesso negato“. Questo accade perchè Windows applica una protezione alle cartelle e alle partizioni non appartenenti ad un determinato account.

Ma non scoraggiatevi, ecco un metodo per risolvere il problema con pochi click:

  1. dopo aver collegato l’hard disk ad un altro computer, andate su Risorse del computer, clickate con il tasto destro sul disco interessato e selezionate Proprietà
  2. selezionate Protezione e poi Aggiungi
  3. nella casella che appare, scrivete il nome utente con il quale avete eseguito il login al sistema e premete Invio
  4. adesso andate su Avanzate, poi su Proprietario, selezionate il vostro utente tra gli Users presenti e spuntate la casella Sostituisci proprietario in sottocontenitori ed oggetti. Ora fate click su OK e poi ancora su OK
  5. complimenti, ora siete i proprietari dell’intero disco, quindi potete accedere ai dati e salvarli dove preferite.

P.S. questo metodo non funziona con i dischi crittografati: in tal caso, i dati rimarranno comunque inaccessibili!

Fonte immagine: ibas




Seguici anche su Facebook

Per visualizzare questo contenuto è necessario accettare i cookie inviati dai Social Network.
Clicca qui per abilitare tutti i cookie per questo sito web.

Hai bisogno di un sito web?

Web&Dintorni