Archivio tag per 'samsung'

Apr
13

Come collegare il Samsung Galaxy Note I e II al PC o al Mac ed utilizzarlo come tavoletta grafica

Samsung Note 2 come tavoletta graficaCari lettori, torno a scrivere dopo (troppo) tempo per condividere con voi un esperimento che ho fatto questa mattina: ovvero connettere, via WiFi, il mio Samsung Galaxy Note 2 al pc ed utilizzarlo, grazie alla S-Pen, come se fosse una tavoletta grafica. Il tutto, ovviamente, a costo zero!

Vi anticipo che l’esperimento è andato a buon fine ed è davvero alla portata di tutti.

Vediamo i passaggi salienti:

  1. anzittuto è, ovviamente, necessario possedere uno dei dispositivi indicati nel titolo del post, ovvero Samsung Slate 7, Galaxy Note I e II, Ativ, Microsoft Surface o comunque un dispositivo che abbia una penna integrata come dispositivo di input e che PC e dispositivo siano collegati nella stessa rete;
  2. scaricate ed installare sul vostro dispositivo l’applicazione VirtualTablet Lite o Pro, così da non avere i banner pubblicitari (per Android, la trovate su Google Play);
  3. scaricate ed installate sul vostro PC o Mac (la versione per Mac dicono sia pronta entro fine mese di aprile) VirtualTablet server, reperibile dal sito ufficiale (attenzione, su Windows è necessario installare .NET Framework 3.5);
  4. avviate VirtualTablet server dal vostro PC e, successivamente, avviate anche VirtualTablet dal vostro dispositivo;
  5. l’applicazione del dispositivo dovrebbe già vedere nome e indirizzo IP del computer che fa da server, quindi basta semplicemente selezionare il PC e poi cliccare sul pulsante Connect;
  6. ora potete divertirvi ad utilizzare il vostro dispositivo come se fosse una tavoletta grafica. Ad esempio avviate Paint (o qualsiasi altro programma di grafica) e guardate quante cose potete fare! ;)
Dic
06

12 idee per regali tecnologici (e particolari) per Natale

Regalo NataleNatale ormai è alle porte, e, come ogni anno, torna l’ansia da regalo! Se anche voi non sapere cosa comprare al vostro ragazzo/a, amico/a o parente, questo articolo vi viene in aiuto: ho elencato 12 prodotti tecnologici, con un ottimo rapporto qualità/prezzo, suddivisi per fascia di prezzo e privilegiando le idee regalo meno costose.

Da 1 a 49 euro

  • Fotoregalo – Calendari, decorazioni murali, tazze, cuscini, sottobicchieri, portachiavi, accendini, magliette, asciugamani, cornici e quant’altro, ma con una particolarità: vengono fatti con le vostre foto, così  da rendere il vostro regalo unico. Il prezzo va da qualche euro in poi, quindi assolutamente adatto a tutte le tasche. Potete farlo online (vi consiglio Pixmania, che è il leader europeo delle stampe digitali su internet, o Fotoregali.com) oppure, nei negozi di stampa foto.
  • Accessori USB – Scalda tazza, aspirapolvere, lampadina a led o moltiplicatore di porte dal design particolare (come il polipo, la macchininai tupilani, quest’ultimo sicuramente più adatto per il gentil sesso): tutte idee regalo economiche (sulle 10 euro) e diverse dal solito.
  • Portachiave digitale – Una mini cornice digitale per portachiavi: ha una memoria interna, per contenere al massimo una 50ina di foto, così da poter portare sempre con sè le proprie foto. Ci sono diversi modelli (anche a forma di cuore, per i più romanticoni!), e il prezzo varia dalle 10 alle 30 euro.
  • Etilometro portatile – Visto le ultime novità del codice della strada, uno strumento di autodiagnosi da utilizzare dopo le serate con gli amici o in discoteca, può essere davvero un regalo molto utile. Ci sono diversi modelli e il prezzo è dalle 10 euro in su.

Da 50 a 149 euro

  • Cornice digitale – Vedere sempre la stessa foto sul mobile o sul muro, a lungo andare, può diventare molto noioso: la soluzione è una bella cornice digitale. La chicca è l’inserimento di immagini ad hoc per il destinatario del regalo, così da renderlo unico e speciale. Ci sono diversi modelli, per tutti i gusti e le tasche (considerate che la variazione di prezzi generalmente è dovuta alla grandezza del display e alla marca del prodotto). Io personalmente, mi sono innamorato di questa, che è anche stazione meteo ed è della Oregon Scientific.
  • Simulatore d’alba – La sveglia, soprattutto d’inverno quando fuori da freddo, è forse la parte più “drammattica” della giornata. Poichè è stato provato che svegliarsi con la luce migliora il benessere generale, perchè non regalare una sveglia con simulatore d’alba? Ci sono diversi modelli, adattati a tutte le tasche (vi consiglio di acquistare o Philips o Oregon Scientific, visto che sono le migliori). Io ce l’ho e posso assicurarvi che svegliarsi con luce man mano sempre più forte e rilassanti suoni della natura, offre un risveglio davvero molto piacevole.
  • Lettore mp3 – Forse il regalo meno originale della lista, ma sicuramente molto utile. Ce ne sono di tutti i tipi: con la fotocamera, la radio, la riproduzione video, etc. Io personalmente preferisco gli iPod della Apple ed ho un semplicissimo iPod Shuffle da 2Gb (costo 55 euro) che sono più che sufficienti per circa 200 canzoni, senza schermo, piccolissimo e con l’utilissima clip.

Da 150 a 349 euro

  • eBook Reader – Sono dispositivi elettronici portatili, che permettono di caricare un gran numero di testi in formato digitale e di leggerli analogamente ad un libro cartaceo. Sono dispositivi studiati quasi esclusivamente per la lettura di testi, e, generalmente, sono dotati di schermi con tecnologia e-ink: questa caratteristica rende la lettura simile a quella di un normale libro. Ci sono diversi modelli e il prezzo varia soprattutto per la grandezza del display e la marca del prodotto.
  • Netbook – Sono particolari computer portatili destinati soprattutto alla navigazione in Internet e alla videoscrittura, che hanno come caratteristica principale il peso contenuto. Ci sono diversi modelli e il prezzo varia soprattutto per la grandezza del display, la marca del prodotto e l’autonomia della batteria. Io personalmente vi sconsiglio i netbook con monitor inferiore ai 7 pollici, poichè sono davvero scomodi da utilizzare e hanno un display decisamente troppo piccolo.

Da 350 a 799 euro

  • Tablet PC – Pur essendoci diversi prodotti appartenenti a questa famiglia, la sfida è tra il Samsung Galaxy Tab (che ha festeggiato 1 milione di pezzi venduti in 2 mesi dal lancio) e l’iPad di Apple (circa 7 milioni di pezzi venduti, dal suo lancio). Io personalmente ho scelto l’iPad e posso assicurarvi che è davvero un ottimo prodotto!
  • Smartphone – E’ un dispositivo portatile che abbina funzionalità di telefono cellulare a quelle gestione di dati personali. Impossibile non citare il famosissimo iPhone, ma, non dimentichiamo neanche i dispositivi dotati di sistema operativo Android o Symbian (che, generalmente, è utilizzato dai dispositivi Nokia). I prezzi variano in base alla marca, modello, grandezza del display, tipo di display e caratteristiche hardware del dispositivo. Io ho un HTC Magic con Android e mi trovo benissimo.

Da 800 euro in su

  • Mac – Per chi non ha problemi di budget, consiglio di regalare un bel Mac, fisso o portatile che sia. Sullo store ufficiale trovate tutti i modelli e prezzi.
Apr
09

Come far funzionare una stampante Samsung ML-1610 (e non solo) su Mac OS X utilizzando SpliX

Uno dei primi problemi che ho dovuto affrontare quando, qualche mese fa, ho acquistato l’iMac è stato configurare la mia stampante Samsung ML-1610 affinchè potesse stampanre anche su Mac OS X (visto che Samsung si è stranamente dimenticata di rilasciare i driver per questo modello).

Sì, lo so bene che il problema si può risolvere utilizzando i driver per la ML-2010 o quelli della ML-1710, ma a me non piacciono le cose “rimediate” quindi, in questo articolo, vedremo come utilizzare i driver open source SpliX per raggiungere il nostro scopo.

Anzitutto è necessario scaricare il codice sorgente dei driver SpliX da qui, dopodichè aprite il Terminale, posizionatevi nella directory in cui avete scaricato il pacchetto e decomprimetelo con il classico:

$ tar xjvf splix-1.1.1.tar.bz2

ora entrate nella directory appena creata e compilate i driver con i comandi:

$ cd splix-1.1.1/
$ make

e attendete inchè la compilazione non terminerà (con successo).

Ora installate i driver con i comandi:

$ cd ppd && sudo cp ml1610.ppd /usr/share/cups/model/
$ cd .. && cd src && sudo cp rastertospl2 /usr/libexec/cups/filter/

Ora aprite le Preferenze di Sistema, selezionate Stampa e fax, aggiungete una stampante e, alla voce, Stampa con scegliete Samsung ML-1610, 1.1.0 et voilà, la vostra stampante sarà perfettamente funzionante :-)

Ah, questo “trucchetto” funziona (o, in alcuni casi, dovrebbe funzionare) anche con le seguenti stampanti:

  • Dell 1100, 1110
  • Samsung CLP-200, CLP-300, CLP-500, CLP-510, CLP-600, CLP-610, CLX-216X, CLX-2170, CLX-3160, ML-1510, ML-1520, ML-1610, ML-1630, ML-1710, ML-1740, ML-1750, ML-2010, ML-2150, ML-2250, ML-2510, ML-2550, ML-2571, ML-3050, ML-3560
  • Xerox Phaser 3115, Phaser 3116, Phaser 3117, Phaser 3120, Phaser 3121, Phaser 3122, Phaser 3130, Phaser 3150, Phaser 3420, Phaser 3425, Phaser 5500, Phaser 6100, Phaser 6110

basta semplicemente sostituire la stringa ml1610.ppd con il modello della vostra stampante.

P.S. per compilare i driver è necessario che abbiate installato XCode o, comunque, gli strumenti di sviluppo Apple (quindi gcc, librerie, ecc.ecc.). Nel caso non abbiate tali strumenti e/o non abbiate tempo/voglia/capacità di compilare i driver, clickando qui potrete scaricare direttamente il pkg (basta un doppio click per installarlo) compilato da me su iMac intel.

Ago
22

Come far stampare una Samsung ML-1610 su FreeBSD usando apsfilter

Circa una settimana fa ho acquistato al MediaWorld una stampante laser monocromatica economica, precisamente una Samsung ML-1610 con interfaccia USB. Tornato a casa, l’ho provata subito con Windows e, in meno di 2 minuti, avevo già stampato la prima pagina; il discorso è stato un attimo più complesso quando si è trattato di farla funzionare su FreeBSD.. Dopo diverse ore perse a farla funzionare (usando, senza successo, CUPS), questa sera, finalmente, sono riuscito nell’intento e ho deciso di postare qui un breve articolo dove riassumo le operazioni che ho effettuato per evitare che qualcun altro abbia le emicranie che ho avuto io nelle ore perse per farla funzionare :)

Allora, anzitutto installiamo apsfilter dai ports, con i comandi:

# cd /usr/ports/print/apsfilter/
# make install clean

(io ho abilitato le opzioni “A4” , “GS”, “PSUTILS”, “A2PS”, “ACROREAD7”,
“CONVERT” e “HTML2PS”)

ora effettuiamo la configurazione della stampante tramite l’interfaccia testuale di apsfilter:

# cd /usr/local/etc/apsfilter
# ./SETUP

Se tutto è andato a buon fine, riavviate lpd con il comando (attenzione, deve essere presente la riga lpd_enable=”YES” in /etc/rc.conf , altrimenti il demone non parte):

# /etc/rc.d/lpd restart

Ora la vostra stampante dovrebbe già essere funzionante: per stampare, basta il semplicissimo comando:

$ lpr -P nome_stampante nome_file_da_stampare .

Se così non fosse, vi copio i miei file di configurazione (ah, dimenticavo, nell’interfaccia testuale non sono riuscito a selezionare il driver “gdi” delle Samsung, quindi l’ho aggiunto “a mano” nei file di conf a fine configurazione) in modo che possiate raffrontarli con i vostri e cercare di capire dov’è il problema:

cat /etc/printcap
lp|gdi;r=600×600;q=medium;c=gray;p=a4;m=auto:\
:lp=/dev/unlpt0:\
:if=/usr/local/etc/apsfilter/basedir/bin/apsfilter:\
:sd=/var/spool/lpd/ML1610:\
:lf=/var/spool/lpd/ML1610/log:\
:af=/var/spool/lpd/ML1610/acct:\
:mx#0:\
:sh:

cat /usr/local/etc/apsfilter/SETUP.cfg
PRINTER=’gdi’
RESOLUTION=’600×600′
COLOR=’gray’
PAPER=’a4′
METHOD=’auto’
QUALITY=’medium’
INTERFACE=’parallel’
DEVICE=’/dev/unlpt0′
BAUDRATE=”
HANDSHAKE=”
WORDLENGTH=”
PARITY=”
STARTBITS=”
STOPBITS=”
SMB_SERVER=”
SMB_IP=”
SMB_PRINTER=”
SMB_WORKGROUP=”
SMB_USER=”
SMB_PASSWD=”
NCP_SERVER=”
NCP_PRINTER=”
NCP_USER=”
NCP_PASSWD=”
rm=”
rp=”

cat /usr/local/etc/apsfilter/ML1610/apsfilterrc
PRINTER=’gdi’
PAPERSIZE=’a4′
METHOD=’auto’
QUALITY=’medium’
COLOR=’gray’
RESOLUTION=’600×600′
# apsfilter as jukebox
# important if audio playback device is a network print queue
# INTERFACE=’network’
INTERFACE=’parallel’

P.S. non è un errore se nei file di conf vedete come interfaccia “parallel”, pur essendo una stampante USB: apsfilter non fa distinzione tra USB e parallela!

Buona stampa a tutti! :-)




Seguici anche su Facebook

Per visualizzare questo contenuto è necessario accettare i cookie inviati dai Social Network.
Clicca qui per abilitare tutti i cookie per questo sito web.

Hai bisogno di un sito web?

Web&Dintorni