Archivio tag per 'mac-os-x'

Ott
13

Links della settimana (64)

Come ogni lunedì, ecco una accuratissima selezione di links che pongo alla vostra attenzione:

Set
29

Links della settimana (62)

Come ogni lunedì, ecco una accuratissima selezione di links che pongo alla vostra attenzione:

Apr
09

Come far funzionare una stampante Samsung ML-1610 (e non solo) su Mac OS X utilizzando SpliX

Uno dei primi problemi che ho dovuto affrontare quando, qualche mese fa, ho acquistato l’iMac è stato configurare la mia stampante Samsung ML-1610 affinchè potesse stampanre anche su Mac OS X (visto che Samsung si è stranamente dimenticata di rilasciare i driver per questo modello).

Sì, lo so bene che il problema si può risolvere utilizzando i driver per la ML-2010 o quelli della ML-1710, ma a me non piacciono le cose “rimediate” quindi, in questo articolo, vedremo come utilizzare i driver open source SpliX per raggiungere il nostro scopo.

Anzitutto è necessario scaricare il codice sorgente dei driver SpliX da qui, dopodichè aprite il Terminale, posizionatevi nella directory in cui avete scaricato il pacchetto e decomprimetelo con il classico:

$ tar xjvf splix-1.1.1.tar.bz2

ora entrate nella directory appena creata e compilate i driver con i comandi:

$ cd splix-1.1.1/
$ make

e attendete inchè la compilazione non terminerà (con successo).

Ora installate i driver con i comandi:

$ cd ppd && sudo cp ml1610.ppd /usr/share/cups/model/
$ cd .. && cd src && sudo cp rastertospl2 /usr/libexec/cups/filter/

Ora aprite le Preferenze di Sistema, selezionate Stampa e fax, aggiungete una stampante e, alla voce, Stampa con scegliete Samsung ML-1610, 1.1.0 et voilà, la vostra stampante sarà perfettamente funzionante :-)

Ah, questo “trucchetto” funziona (o, in alcuni casi, dovrebbe funzionare) anche con le seguenti stampanti:

  • Dell 1100, 1110
  • Samsung CLP-200, CLP-300, CLP-500, CLP-510, CLP-600, CLP-610, CLX-216X, CLX-2170, CLX-3160, ML-1510, ML-1520, ML-1610, ML-1630, ML-1710, ML-1740, ML-1750, ML-2010, ML-2150, ML-2250, ML-2510, ML-2550, ML-2571, ML-3050, ML-3560
  • Xerox Phaser 3115, Phaser 3116, Phaser 3117, Phaser 3120, Phaser 3121, Phaser 3122, Phaser 3130, Phaser 3150, Phaser 3420, Phaser 3425, Phaser 5500, Phaser 6100, Phaser 6110

basta semplicemente sostituire la stringa ml1610.ppd con il modello della vostra stampante.

P.S. per compilare i driver è necessario che abbiate installato XCode o, comunque, gli strumenti di sviluppo Apple (quindi gcc, librerie, ecc.ecc.). Nel caso non abbiate tali strumenti e/o non abbiate tempo/voglia/capacità di compilare i driver, clickando qui potrete scaricare direttamente il pkg (basta un doppio click per installarlo) compilato da me su iMac intel.

Mar
19

10 applicazioni essenziali per Mac da installare subito dopo una formattazione

Circa con cadenza annuale, mi capita di riformattare il mio Mac, sia perchè ormai è pieno di file .plist, ma soprattutto perchè mi va di ripulire un po’ il mio hard disk. L’operazione è agevolata anche dal fatto che, su Mac, non esiste il problema dell’installazione dei driver dopo la riformattazione del disco.

In questo articolo vi parlerò dei 10 programmi che ritengo fondamentali da installare subito dopo una riformattazione (l’ordine di citazione non è rilevante!):

1) NeoOffice

NeoOffice è un insieme completo di applicazioni per l’ufficio (inclusi word processor, foglio elettronico, programma per presentazioni, per il disegno e per database) per Mac OS X. Basato sulla suite di programmi per l’ufficio OpenOffice.org, NeoOffice ha integrate dozzine di caratteristiche native per Mac e può importare, modificare, e scambiare file con altri programmi per l’ufficio popolari come Microsoft Office. Inoltre, esso supporta anche i file creati con Microsoft Office 2007.

Neo Office

2) Perian e Flip4Mac

Perian è un progetto open source che viene consigliato dalla stessa Apple, che aggiunge a QuickTime tantissimi codec aggiuntivi. In poche parole, un plug-in che è un vero coltellino svizzero (come raffigura l’icona del programma); associato a Flip4Mac, poi, rende Quicktime adatto per aprire davvero tutti i tipi di file! Se invece non vi piace Quicktime, VLC Player è davvero un’ottima alternativa.

Continua la lettura di ’10 applicazioni essenziali per Mac da installare subito dopo una formattazione’

Dic
15

Il mio auto-regalo di Natale: Apple iMac alluminio 20”

Chi si aspettava il solito post del venerdì sarà rimasto deluso.. scusate ma ero troppo preso a smanettare con il mio auto-regalo di Natale: si tratta dell’Apple iMac alluminio 20″ acquistato (o meglio ritirato, visto che non ho ancora cacciato un euro e dopo vi spiegherò il perchè) ieri pomeriggio presso la Ormi Computers di Sambuceto!

Prime impressioni

Mi spiace, ma non ho scattato alcuna foto dell’unpacking, perchè ero troppo ansioso di “vedere all’opera” il computer. La prima cosa che mi ha colpito è, manco a dirlo, l’estetica: è molto più bello che in fotografia! Inoltre, a causa del massiccio utilizzo dell’alluminio, si ha la sensazione di essere di fronte ad un computer di fascia molto più alta rispetto a quella a cui appartiene, tanto da far fare brutta figura anche all’iMac con case in plastica bianca.

L’hardware

La mia scelta, per questioni economiche, è ricaduta sul modello entry level da 20″ che, di listino, costa € 1.199 ed è equipaggiato con: processore Intel 2 GHz Core 2 Duo, 1 GB di RAM, scheda grafica ATI Radeon HD 2400 XT con 128MB di memoria GDDR3 e hard disk SATA da 250GB. Inoltre, ha in dotazione una porta FireWire 800 e tre porte USB 2.0 (una delle quali può essere utilizzata per ricaricare l’iPod anche quando l’iMac è in Stop). Completano la dotazione di serie: iSight (meglio integrata nel case in alluminio), SuperDrive 8x a doppio strato; AirPort Extreme (802.11n), Bluetooth 2.0+EDR, telecomando Apple Remote, Tastiera in alluminio (praticamente identica a quella in dotazione con i portatili Apple e che include due porte USB 2.0) e Mighty Mouse. Infine, gli altoparlanti, situati nella parte inferiore del case, risultano migliori della serie precedente e non è necessario acquistare una coppia di casse supplementari per godersi musica, video e giochi.

Schermo

Lo schermo è uno dei componenti maggiormenti criticati di questi nuovi iMac, poichè molti utenti non apprezzano il display lucido (o glossy, che dir si voglia). La mia impressione è che sia ottimo per guardare film, foto o per giocare per via dei colori molto più brillanti e luminosi rispetto a quelli degli iMac con schermo opaco. Probabilmente, qualche problema potrebbero averlo gli utenti professionali (come fotografi, grafici, etc.etc.) proprio per via della spiccata luminosità.

Prestazioni

Non ho ancora avuto il tempo di effettuare nessun tipo di benchmark ma, ad occhio, il sistema è davvero molto performante sia con Mac OS X Leopard che con Linux e Windows.

Perchè acquistare un iMac (o un computer Apple in genere)

Mi succede spessissimo di parlare del mondo Mac con amici e conoscenti e capita quasi sempre che, ad un certo punto del discorso, il mio interlocutore obietti che i prodotti Apple costino molto. Sì, è vero, i prodotti Apple costano mediamente di più rispetto alla concorrenza, ma è innegabile anche che Apple fa, quasi sempre, prodotti di assoluta qualità (oltre ad essere bellissimi esteticamente), che l’assistenza è praticamente perfetta, che Mac OS X è il miglior sistema operativo desktop e che è possibile far girare sulla stessa macchina, in maniera nativa, legalmente e senza comprare altro software (licenza di Windows, esclusa, ovviamente), Mac OS X, Windows e Linux/*unix. Vi pare poco?!

Come risparmiare qualche soldino

Come dicevamo qualche riga fa, i prodotti Apple costano un po’ di più rispetto alla concorrenza. Vediamo come risparmiare qualche soldino:

  • siete studenti o docenti? Bene! Potete avete fino al 7% di sconto sui computer Apple!
  • siete docenti di ogni ordine e grado, anche non di ruolo con incarico annuale, nonchè personale docente presso le università statali? Sì?! Fantastico: avete la possibilità di acquistare un personal computer nuovo di fabbrica entro il 31/12/2007 e detrarre dalla denuncia dei redditi 2008 il 19% delle spese sostenute per l’acquisto fino ad un importo massimo di 1000 euro. Per ulteriori informazioni clickate qui.
  • come se non bastasse, in occasione delle festività natalizie, Apple ha deciso di promuovere una interessante iniziativa: coloro che compreranno un Mac fino al 14 gennaio 2008 potranno scegliere di pagare con un finanziamento in 10 rate a tasso zero (tan 0%, taeg 0%). Per conoscere i termini e le condizioni di questa offerta, clickate qui.

Io, sfruttando tutti gli sconti/finanziamenti citati precedentemente, e al netto della detrazione sulla denuncia dei redditi 2008: pagherò l’iMac circa € 950 in 10 comode rate mensili di circa € 95 cadauna. Un bel risparmio, vero?!

Considerazioni finali

So che potrei sembrare banale e scontato, ma i nuovi iMac sono davvero fantastici sotto ogni punto di vista. Se avete qualche soldino da spendere per un nuovo pc non posso che consigliarvi questo ottimo prodotto e poi, con i “trucchetti” illustrati precedentemente, potrete averlo risparmiando anche qualche soldino!

AGGIORNAMENTO DELLE 23.45 DEL 16/12/2007

A testimonianza del fatto che l’iMac l’ho acquistato veramente (!), ecco una bella fotografia di come l’ho sistemato sulla mia scrivania. E’ davvero maestoso, vero?!

iMac

P.S. se avete trovato utile questo o qualche altro mio articolo, prendete in considerazione la possibilità di farmi una donazione, soprattutto ora che si avvicina Natale e che devo pagare le rate del nuovo computer! Grazie in anticipo :-)

Giu
21

Aspettando Leopard, ecco 33 screenshot

Apprendo da Melamorsicata che il sito ThinkSecret ha pubblicato 33 screenshot di Leopard, il nuovo sistema operativo di casa Apple. Le immagini sono state prese dalla beta distribuita agli sviluppatori al WWDC e si riferiscono alla build 9A466.

Gli screenshot, che potete trovare qui, fanno riferimento al dock 3D, Spaces, Cover Flow, Times Machine, Stacks e altro.

Apr
16

Apple sacrifica Leopard per l’iPhone

Apple ha confermato le indiscrezioni precedenti che la volevano intenzionata a posticipare l’uscita di “Leopard”, la nuova versione del sistema operativo di casa Apple. La data d’uscita passa quindi dalla primavera ad ottobre, l’azienda, tuttavia, si è impegnata a rilasciare una versione beta per il Worldwide Developers Conference (WWDC) che si terrà a giugno.

Apple ha motivato il ritardo dicendo che l’iPhone contiene il software più sofisticato mai venduto su un dispositivo mobile (si parla di una versione “alleggerita” di Leopard) e ciò ha assorbito completamente gli ingegneri, distraendoli dal prossimo lancio del nuovo sistema operativo.

Il tanto atteso iPhone verrà distribuito in America a partire dall’11 giugno (proprio il giorno in cui avrà inizio il WWDC); noi Europei, invece, dovremo pazientare fino a fine anno.

Intanto, per i più curiosi, ecco un piccolo assaggio:

Dic
18

David Pogue spiega perchè Microsoft Vista e Mac OS X non sono uguali

David Pogue, noto opinionista Mac, in questo video pubblicato nella home page di NewYorkTimes.com, evidenzia quanto Microsoft Vista ha (malamente..) scopiazzato da Mac OS X.

Imperdibile!




Seguici anche su Facebook

Per visualizzare questo contenuto è necessario accettare i cookie inviati dai Social Network.
Clicca qui per abilitare tutti i cookie per questo sito web.

Hai bisogno di un sito web?

Web&Dintorni