Archivio per la categoria 'Mac'

Ott
06

Addio Steve..

Una immagine e tanta commozione..

Steve Jobs

Addio Steve, te ne vai lasciando un segno indelebile di te, in ogni prodotto, in ogni singolo dettaglio che amavi curare personalmente.. Te ne vai con la consapevolezza di aver raggiunto il tuo ambizioso obiettivo: cambiare il mondo. Ci mancherai..

Feb
19

Come escludere alcuni file, estensioni o directory da un archivio tar

Non so a voi, ma a me capita spesso di creare archivi da linea di comando su sistemi *unix, e, quasi sempre, ho la necessità di escludere determinati file e/o determinate estensioni e/o determinate directory da tale archivio.

Fortunatamente ci viene in aiuto l’opzione –esclude di tar. Vediamo come utilizzarla:

Escludere file:
[quickcode:noclick]tar –exclude ‘percorso/del/file_da_escludere’ -cvzpf nome_archivio.tar.gz /percorso_directory_da_archiviare[/quickcode]

Escludere determinate estensioni:
[quickcode:noclick]tar –exclude ‘*.estensione_da_escludere’ -cvzpf nome_archivio.tar.gz /percorso_directory_da_archiviare[/quickcode]

Escludere determinate directory:
[quickcode:noclick]tar –exclude ‘percorso/della/directory_da_escludere’ -cvzpf nome_archivio.tar.gz /percorso_directory_da_archiviare[/quickcode]

P.S. ovviamente se i file e/o determinate estensioni e/o determinate directory dovessero essere molteplici, potrete utilizzare tutti gli –exclude che desiderate!

Ott
28

Solo per oggi CrossOver Pro gratis per Linux e Mac

Solo per la giornata di oggi, esattamente fino alle 23.59 CST, sarà possibile scaricare e registrare gratis una copia di CrossOver Pro di CodeWeavers, il programma che consente di eseguire su Mac e Linux molti programmi per Windows (Office e Photoshop compresi), senza doverlo installare.

Il motivo dell’offerta è curioso: CodeWeavers aveva promesso “se il presidente Bush riuscirà ad abbassare il prezzo della benzina, daremo gratis CrossOver”. Al tempo della promessa, non avevano evidentemente calcolato l’eventualità di una crisi economica delle proporzioni raggiunte in questi mesi che ha portato a una riduzione del prezzo della benzina senza che Bush abbia dovuto muovere un dito per arrestare la corsa dei prezzi del petrolio.

Per avere la vostra versione completa di CrossOver Pro, non dovete far altro che visitare il sito ufficiale dell’iniziativa e registrarvi affinchè vi venga assegnato un numero seriale valido.

Fonte di spunto: oneopensource

Ott
15

Come trasferire la posta elettronica gestita da Microsoft Outlook per Windows a Mac

Outlook2MacIn questi giorni, per esigenze di lavoro, ho avuto la necessità di trasferire circa 2.1 GB di posta elettronica gestita con Microsoft Outlook 2003 per Windows a Mac, affinchè potessi importarla con Thunderbird o Mail o Entourage (poi qualcuno mi deve spiegare come sia possibile che, Entourage, pur facendo parte di Microsoft Office 2008 per Mac, non sia in grado di importare i file .pst esportati da Microsoft Outlook 2003!).

Cercando informazioni in rete per realizzare in maniera indolore tale migrazione (che era delicatissima, visto che si trattava della posta di del Rettore dell’Università!), praticamente dappertutto consigliavano Outlook2Mac: uno software shareware che costa 10 dollari che è in grado di trasferire archivi di e-mail, contatti e appuntamenti da Outlook per Windows in archivi compatibili con Mac (sono supportati Mail, Entourage, Address Book, iCal, PowerMail e Mailsmith).

Come utilizzare Outlook2Mac

Lanciando Outlook2Mac, questo cercherà Microsoft Outlook e le rispettive cartelle di Posta in arrivo, Inviata etc etc, dopodichè il software è pronto per l’esportazione*: segliete il percorso dove salvare le email esportate, le cartelle da esportare ed, eventualmente, anche un intervallo di date delle email da salvare. E’ possibile anche scartare, nell’esportazione, gli allegati delle email superiori ad una certa dimensione o quelli che hanno una certa estensione (ad esempio gli .exe, che tanto su Mac non funzionerebbero!). In più è possibile anche esportare i Contatti ed il calendario di Outlook.

Dopo aver configurato tutti questi parametri è finalmente possibile dare inizio all’esportazione delle email cliccando su Start. A questo punto non resta che attendere la fine dell’operazione (che nel mio caso è durata parecchie ore), trasferire le cartelle create sul Mac ed importarle sul vostro client di posta preferito.

* ATTENZIONE: Outlook2mac è stato concepito per il solo mercato americano quindi, prima di avviare l’esportazione, è necessario impostare, nel Pannello di Controllo di Windows, alla voce Opzioni internazionali e della lingua, il formato Inglese Americano in maniera tale da avere tutte le email con la data in formato Americano e preservare nell’importazione la data di invio/ricezione.

Giu
04

I migliori 5 web browsers che non siano Internet Explorer, Firefox o Safari

BrowsersChi possiede un PC, molto probabilmente starà visitando questo blog utilizzando Internet Explorer o, nel migliore dei casi, Mozilla Firefox. Chi, invece, possiede un Mac starete probabilmente starà utilizzando Safari o, a limite, Firefox. Questi tre browser, insieme, si aggiudicano circa il 97% del mercato, ma non sono gli unici.

Ecco i 5 browser meno conosciuti di quelli citati precedentemente, che vi consiglio di provare:

5- Sunrise (Mac)

Sunrise

Sunrise è un browser molto veloce con una interfaccia semplice e pulita; è stato pensato per gli sviluppatori e per gli utenti che preferiscono lo stile minimalista . Sunrise è in grado di ridimensionare la finestra del sito che state visitando alla risoluzione desiderata con un semplice click del mouse. Inoltre, è possibile selezionare l’editor con cui aprire i sorgenti delle pagine su cui stiamo lavorando e, soprattutto, è possibile salvare la pagina in formato PDF, magari per mostrare le bozze direttamente ai nostri clienti. Continua la lettura di ‘I migliori 5 web browsers che non siano Internet Explorer, Firefox o Safari’

Mag
28

Lo stereotipo del Mac user

AppleQualche tempo fa, stavo leggendo un interessantissimo articolo su The Apple Lounge, che cercava un po’ di identificare quello che è un po’ lo stereotipo del Mac user grazie allo studio di Mindset Media, un’azienda che si occupa di pubblicità online per grandi brand come Nike, Apple, Coca-Cola.

Lo studio, basato su un’indagine condotta in un campione di 7500 intervistati, ha rivelato che:

le persone che sono molto aperte o, nel gergo di Mindset Media, “Openness 5’s“, hanno il 60 per cento in più di probabilità delle persone nella media di avere acquistato un Mac. Questi acquirenti sono anche più liberali, meno modesti e più certi della propria superiorità rispetto alla popolazione in generale.

Ma cos’è “l’Openness 5’s” a cui fa riferimento Mindset Media?

Mindset Media definisce “Openness 5’s” le persone che cercano nuove, varie e ricche esperienze, credendo che la fantasia e la curiosità intellettuale contribuiscano a una vita ben vissuta.

Queste ultime parole ricordano un po’ il concetto espresso da Steve Jobs nel discorso tenuto il 12 giugno 2005 nell’università di Standford, dove lui stesso aveva cominciato la sua carriera studentesca (poi abbandonata in favore di una, possiamo dirlo ora, sfavillante carriera imprenditoriale): “Stay Hungry. Stay Foolish.” ovvero “Siate affamati, curiosi (di conoscenza), siate folli“.

Io mi riconosco perfettamente nello stereotipo identificato da Mindset Media. E voi, utenti Mac all’ascolto, vi riconoscete in questo profilo?!

Fonte: The Apple Lounge

Mag
14

5 importanti programmi per la sicurezza di Windows, Linux e Mac

A prescindere da quale sistema operativo utilizzate, non si può non pensare alla sicurezza: in questo articolo vedremo 5 software per Windows, Linux e Mac per incrementare la vostra sicurezza.

Windows

Firewall

Quasi tutti hanno dei dati sensibili sui loro dischi rigidi che preferiscono tenere fuori dagli occhi indiscreti. Purtroppo, il Firewall di Windows XP, non è sufficiente a garantire ciò, poichè non è in grado di bloccare le connessioni in uscita, quindi vi consiglio di utilizzare, come alternativa ad esso, Comodo firewall. Con Windows Vista, invece, Microsoft ha affrontato (e risolto) questo problema, quindi non vi è alcuna necessità di utilizzare un firewall di terze parti.

Indipendentemente dal fatto che siete in XP o Vista, comunque, un router è essenziale: un firewall hardware è molto più sicuro di uno software.

Raccomandazioni

Anti-virus

Forse il software più importante da avere su un computer (almeno se avete Windows come sistema operativo). Se non volete spendere soldini per software commerciali, vi consiglio uno di questi tre antivirus: AntiVir, Avast o AVG (ricordate comunque che, in nessun caso, dovrete installare più di un antivirus sul vostro computer).

Per quanto riguarda i software commerciali la scelta si riduce a: ESET NOD32 o Kaspersky Anti-Virus. Kaspersky Anti-Virus è leggermente superiore grazie ai tassi di rilevamento basati su file di firma, mentre NOD32 fornisce eccellenti euristiche (chiamate “ThreatSense” di ESET) per scoprire nuovi virus in circolazione.

Raccomandazioni

Anti-spyware and Anti-adware

Grazie all’acquisizione da parte di Microsoft della GIANT Company Software nel dicembre 2004, ora Windows ha un efficace software anti-spyware (disponibile per Windows XP e integrato con Windows Vista): Windows Defender. Potete utilizzare anche Lavasoft Ad-Aware (freeware), ma vi consiglio di utilizzarlo insieme a Windows Defender e non come alternativa. Se invece avete dei soldini da spendere, non vi è alcun dubbio che la migliore opzione commerciale è Webroot Spy Sweeper.

Raccomandazioni

Continua la lettura di ‘5 importanti programmi per la sicurezza di Windows, Linux e Mac’

Mag
02

Think different

Sì, lo so che questo video è vecchiotto, ma è davvero troppo bello ed emozionante, non trovate?!

Apr
09

Come far funzionare una stampante Samsung ML-1610 (e non solo) su Mac OS X utilizzando SpliX

Uno dei primi problemi che ho dovuto affrontare quando, qualche mese fa, ho acquistato l’iMac è stato configurare la mia stampante Samsung ML-1610 affinchè potesse stampanre anche su Mac OS X (visto che Samsung si è stranamente dimenticata di rilasciare i driver per questo modello).

Sì, lo so bene che il problema si può risolvere utilizzando i driver per la ML-2010 o quelli della ML-1710, ma a me non piacciono le cose “rimediate” quindi, in questo articolo, vedremo come utilizzare i driver open source SpliX per raggiungere il nostro scopo.

Anzitutto è necessario scaricare il codice sorgente dei driver SpliX da qui, dopodichè aprite il Terminale, posizionatevi nella directory in cui avete scaricato il pacchetto e decomprimetelo con il classico:

$ tar xjvf splix-1.1.1.tar.bz2

ora entrate nella directory appena creata e compilate i driver con i comandi:

$ cd splix-1.1.1/
$ make

e attendete inchè la compilazione non terminerà (con successo).

Ora installate i driver con i comandi:

$ cd ppd && sudo cp ml1610.ppd /usr/share/cups/model/
$ cd .. && cd src && sudo cp rastertospl2 /usr/libexec/cups/filter/

Ora aprite le Preferenze di Sistema, selezionate Stampa e fax, aggiungete una stampante e, alla voce, Stampa con scegliete Samsung ML-1610, 1.1.0 et voilà, la vostra stampante sarà perfettamente funzionante :-)

Ah, questo “trucchetto” funziona (o, in alcuni casi, dovrebbe funzionare) anche con le seguenti stampanti:

  • Dell 1100, 1110
  • Samsung CLP-200, CLP-300, CLP-500, CLP-510, CLP-600, CLP-610, CLX-216X, CLX-2170, CLX-3160, ML-1510, ML-1520, ML-1610, ML-1630, ML-1710, ML-1740, ML-1750, ML-2010, ML-2150, ML-2250, ML-2510, ML-2550, ML-2571, ML-3050, ML-3560
  • Xerox Phaser 3115, Phaser 3116, Phaser 3117, Phaser 3120, Phaser 3121, Phaser 3122, Phaser 3130, Phaser 3150, Phaser 3420, Phaser 3425, Phaser 5500, Phaser 6100, Phaser 6110

basta semplicemente sostituire la stringa ml1610.ppd con il modello della vostra stampante.

P.S. per compilare i driver è necessario che abbiate installato XCode o, comunque, gli strumenti di sviluppo Apple (quindi gcc, librerie, ecc.ecc.). Nel caso non abbiate tali strumenti e/o non abbiate tempo/voglia/capacità di compilare i driver, clickando qui potrete scaricare direttamente il pkg (basta un doppio click per installarlo) compilato da me su iMac intel.




Seguici anche su Facebook

Per visualizzare questo contenuto è necessario accettare i cookie inviati dai Social Network.
Clicca qui per abilitare tutti i cookie per questo sito web.

Hai bisogno di un sito web?

Web&Dintorni