Dic
20

Ricetta del panettone tradizionale per celiaci (senza glutine)

PanettoneIl panettone è una ricetta di Natale tra le più conosciute in Italia, ed anche in tutto il resto del mondo; la grandissima parte di quelli in commercio, però, contengono glutine e, di conseguenza, non possono essere mangiati dai celiaci. In questo articolo, vedremo come fare il panettone tradizionale in casa, utilizzando solo ingredienti senza glutine.

Prima di affrontare la descrizione passo passo della ricetta, però, è necessaria una premessa. Non è semplice fare il panettone in casa: è un’operazione lunga, che richiede molta pazienza e il controllo accurato di molti fattori, primi fra tutti la lievitazione e la cottura nel forno di casa. L’enorme vantaggio, però, è quello di poter controllare gli ingredienti.

Ingredienti

  • 300 gr. di mix senza glutine per torte lievitate;
  • 100 gr. di latte in polvere (meglio quello per la prima infanzia, da 0 a 6 mesi);
  • 2 cucchiaini di xantano;
  • 130 gr. di zucchero a velo;
  • scorza di limone;
  • 2 cubetti di lievito;
  • 160 gr. di burro fuso;
  • 2 bustine di vanillina;
  • 2 uova intere e 2 tuorli;
  • 200 gr. di acqua (o acqua e latte o solo latte);

Preparazione

Mescolate tutti gli ingredienti secchi e, a parte, sciogliete 2 cucchiaini di zucchero nei 200 gr. di acqua sbriciolando dentro i due cubetti di lievito e lasciare da parte perchè il lievito agisca. Unire agli ingredienti secchi il burro fuso, le uova ed infine il liquido con il lievito sciolto. Sbattere molto vigorosamente per qualche minuto.

Lisciate lievitare l’impasto in luogo tiepido per un’ora. Intanto mettete 100 gr. di uvetta ad ammorbirdirsi in una ciotola d’acqua con qualche goccia di rum. Trascorsa un’ora, sbattete di nuovo vigorosamente l’impasto ed aggiungete l’uvetta strizzata ed infarinata ed i canditi infarinati anche questi.

Imburrate ed infarinate lo stampo, versateci l’impasto e fatelo lievitare 45 minuti / 1 ora. Cuocetelo per un’ora a 150°. Una volta cotto, lasciatelo raffreddare a testa in giù, possibilmente tutta la notte.

Buon appetito!

Via: UnCuoreDiFarinaSenzaGlutine

9 commenti a “Ricetta del panettone tradizionale per celiaci (senza glutine)”


  1. 1 Felix
    20 dicembre 2010 alle 11:24 Quota

    Gentile Paolo siamo onorate del fatto che tu abbia scelto una nostra ricetta… ti saremmo grate se volessi anche inserire la fonte che si trova all’ indirizzo che segue, sia per dovere di correttezza e visto che vedo operato un semplice copia-incolla…
    http://uncuoredifarinasenzaglutine.blogspot.com/2010/12/panettone-senza-glutine.html

    Cordiali saluti

    Olga/Felix del blog Uncuoredifarinasenzaglutine

  2. 2 Paolo
    20 dicembre 2010 alle 11:40 Quota

    Ciao Olga, perdonami, ma io non sapevo che la sorgente “vera” della ricetta fosse questo link. Credevo che fosse stato semplicemente pubblicato su Yahoo Ansers. Provvedo subito ad inserire la fonte e mi scuso per non averlo fatto prima.

    Ciao, Paolo.

  3. 3 Paolo
    20 dicembre 2010 alle 11:42 Quota

    Cara Olga, inoltre ti vorrei far notare che non mi ero assolutamente preso “la proprietà” dell’articolo, ma semplicemente avevo linkato Yahoo Answers (che pensavo essere la fonte ufficiale), invece del vostro sito e me ne scuso.

    Ciao, Paolo.

  4. 4 Felix
    20 dicembre 2010 alle 11:51 Quota

    Di niente Paolo grazie :-)

    So bene che la rete spesso gioca questi scherzi ;-)

  5. 5 efisia espis
    12 novembre 2011 alle 22:59 Quota

    non so che commento fare e la prima volta che scrivo in questo sito ma volendo imparare a fare dolci senza glutine ho deciso di provarci comunque la cosa mi fa piacere il fatto di cimentarmi speriamo bene perche sono golosa ma questa storia dei dolci senza glutine mi stressa un po perche ce un sapore di fondo che mi ifastidisce e non so di cosa si tratta grazie per quello che fatte per noi

  6. 6 efisia espis
    11 dicembre 2011 alle 20:59 Quota

    salve a tutti sono sempre in cerca di dolci senza glutine ho imparato a fare il budino di riso che poi rimane solido si taglia col cltello ed e buonissimo lo preparo una volta alla setimana e lo mangia pure mio marito perchè io gli agiungo noci e buccia di arancia candita fatta candire da me che le da un profumo e un sapore buonissimo questo sito mi piace tantissimo buon natale a tutti i celiaci e non ciaoooo

  7. 7 cinzia
    27 dicembre 2011 alle 13:08 Quota

    ciao Paolo e ciao a tutti,
    volevo dire che qualche giorno fa mi sono cimentata a fare il panettone così come descritto dalla ricetta, facendo attenzione a tutti i particolari…
    Ho fatto arrivare addirittura lo xantano e la farina di tapioca da un’azienda di cuneo..
    risultato.. un disastro, praticamente la pasta è lievitata pochissimo e il panettone alla fine era un vero e proprio mattone!!!
    Secondo me i tempi sono troppo ristretti, per fare un panettone ho sentito dire che ci vogliono tre giorni!!!

  8. 8 luigi marangio
    04 gennaio 2012 alle 10:21 Quota

    Per Cinzia:
    Premesso che già due lieviti (di birra immagino) siano esageratamente troppi, l’errore credo che stia nel non aver fatto partire la fermentazione dei lieviti in acqua a temperatura di 20\30°C ma io già con l’acqua del rubinetto (20°C) non ho problemi, a patto però che acqua e lievito siano lasciati sinsieme a un po’ di farina per celiaci, almeno per tre ore. Ti accorgi che i microrganismi sono entrati in azione dalle bolle e dal fatto che tutto gonfia. Dopodiché impasta tutto come ricetta dice, e rispetta la lievitazione,indipendentementedaquanto tempo ci metta. Fatto questo il resto dovrebbe funzionare.
    Prima di infornare il panettone la crescita dovrebbe essere triplicata…..nel forno poi quatruplica. Riprova;)

  9. 9 antonella
    06 dicembre 2012 alle 13:57 Quota

    :sal posto del latte in polvere si puo usare il latte sempre prima infanzia ma liquido?

Lascia un commento

Nome

Email (non verrà pubblicata)

Sito web (opzionale)

Quanto fa 2 + 4 ? (protezione antispam)




Seguici anche su Facebook

Per visualizzare questo contenuto è necessario accettare i cookie inviati dai Social Network.
Clicca qui per abilitare tutti i cookie per questo sito web.

Hai bisogno di un sito web?

Web&Dintorni