Nov
24

Weekend al RomaCamp2008 raccontato in pillole e in perle

Il mio weekend romano raccontato in pillole..:

Venerdì 21

Io e Sara siamo arrivati a Roma alle 12, posato le valigie in albergo, veloce rinfrescata e poi ci siamo diretti all’Università Roma Tre. Fatto il check-in al banco dell’accoglienza all’ingresso, ci siamo diretti al piano superiore per inserire il mio intervento. Scelgo sabato alle 14.30, mi sembra un ottimo orario e non ci sono altri interventi tecnici allo stesso orario. C’è solo uno strano Barack Obama che terrà un intervento alla stessa ora, ma non me ne preoccupo troppo perchè so che è uno scherzo! Facciamo pranzo al bar/mensa dell’università, incontriamo qualche “vecchio” amico tra cui Pietro e Silvia e poi via a vedere gli interventi del pomeriggio. Quello che mi è piaciuto di più è stato quello di Luca Mascaro su Interfacce adattative, mobilità e contesti d’uso, ma bello anche quello di Luca Mearelli su OpenWeb e di Tony Siino su Snabi, una social network analysis di una parte della blogosfera italiana.

Dopo una bella doccia e un po’ di relax in hotel, serata tranquilla passata in compagnia davanti ad una pizza ed una birra Al Peperoncino.

Sabato 22

Dopo esserci svegliati con calma alle 10, alle 11.30 siamo in facoltà. Il mio primo pensierò è stato il cibo.. e praticamente la prima parte di giornata, per quanto mi riguarda, ha avuto quell’obiettivo.. fin quando, alle 14 circa, l’ho abbondantemente soddisfatto con un piatto di tortellini alla panna e prosciuto. Torniamo in facoltà e trovo una bella sorpresa.. vi ricordate l’intervento citato precedentemente.. ovvero quello di Barack Obama?! Bhè si è magicamente trasformato (!!) in un intervento dal titolo Porno 2.0 tenuto da diversi blogger. Incazzato come una jena, per ovvi motivi, deciso di posticipare il mio intervento spostandolo al primo “buco” disponibile, ovvero alle 17.15, conscio del fatto che a quell’ora sarebbero rimase davvero poche persone al Camp. Ovviamente ho fatto notare la scorrettezza e il disagio creato nell’aver arbitrariamente modifcato quello che il giorno prima sembrava uno speech “stupido e scherzoso” ad uno speech che avrebbe monopolizzato l’attenzione (visti i relatori e l’argomento trattato!). Arriva la mia ora e tengo il mio speech davanti a poche persone, ma per lo meno davvero interessate e che hanno partecipato attivamente all’argomento da me trattato, ovvero L’elearning entra nell’open source, con mia somma soddisfazione (a breve un post dedicato al mio intervento con la possibilità di scaricare le slides da me proiettate). Dopo la conferenza, veloce doccia in hotel e poi ci siamo ritrovati davanti all’Hotel Pulitzer per il tour turistico di Roma su pullman a due piani in stile londinese che è stato a dir poco fantastico (il Colosseo di notte è davvero troppo affascinante!), a seguire giro di Roma by night e poi nanna.

Domenica 23

Sveglia con calma (almeno per quanto mi riguarda!!) alle 10, poi io e Sara, dopo aver salutato il simpaticissimo Vincenzo con il quale mi sono trovato davvero bene, ci siamo addentrati verso il centro di Roma per andare a vedere la mostra di Picasso. Dopo aver cercato un pargheggio invano per mezz’ora e probabilmente aver violato decine di volte le cosiddette zone a traffico limitato, sia io che Sara abbiamo sclerato e deciso di tornare verso casa. Pausa pranzo presso il centro commerciale Roma Est, poi via verso Pescara per accompagnare Sara e poi direzione casa, stanco ma soddisfatto di questo bel weekend romano!

.. e attraverso “perle di saggezza” scaturite da ciò che abbiamo detto ed ascoltato:

  • In che piazza lavori?
    Domanda posta in senso più o meno offensivo da uno del pubblico al relatore di un seminario.
  • Non mi far dire quello che penso!
    Detta da me in riferimento alla dubbiosa competenza di Sara nell’utilizzo “avanzato” di Thunderbird
  • De gustibus, ztè tosc!
    Si può tradurre con le parole “i gusti, son gusti”. Perla si saggezza detta da Sara nella strada per il ritorno.
  • Quello accimenta pure le pietre!
    Massima detta da me per indicare una persona che seglie un possibile partner senza guardare troppo ai dettagli!
  • A prescindere?!?!
    Mia esclamazione stupita davanti alla richiesta di denari da parte del casellante dell’autostrada per il pagamento del pedaggio per uscire al centro commerciale Roma Est e senza aver preso il biglietto da nessuna parte!
  • Arriva prima il logo ego e poi la loro fisicità!
    Mia affermazione riferita ad alcuni sedicenti relatori/blogger.
  • Conversazione tra Sara e Paolo:
    P: Roma è assurda [riferito alla viabilità]
    S: Qui le strade portano coerentemente ad un punto [riferito alla viabilità di Pescara]
    P: Roma è davvero assurda..
    S: Roma mi sembra… [pausa di riflessione] come si chiama quel videogioco… [altra pausa di riflessione]
    P: Pacmac?!
    S: Sì quello!
    P: Sì ma almeno lì il percorso lo vedevi dall’alto!

4 commenti a “Weekend al RomaCamp2008 raccontato in pillole e in perle”


  1. 1 Vinz486
    24 novembre 2008 alle 23:55 Quota

    Anche a Milano ci sono caselli settati in modalità “a prescindere”.

    In questo video potete vedermi mentre mi perdo, sempre e comunque, nella piantagione di caselli che si usa coltivare da queste parti: http://tinyurl.com/tbvacdm

    Questa è la piantagione vista dall’alto: http://tinyurl.com/piantagione

    (au)

  2. 2 Paolo
    25 novembre 2008 alle 9:00 Quota

    @Vinz486: ahuhauhau bellissima quella scena! ;-)

  3. 3 Stefano Bellanda
    26 novembre 2008 alle 23:31 Quota

    visto che dici che ignori le richieste via mail e skype :s sto cercando (con calma) di implementare un sistema per il master di Padova dove insegno, dai un’occhiata a http://www.dimdim.com che pare risolvere la questione che ti ponevo al romecamp: webmeeting totalmente opensource (and really really cheap), c’è anche il modulo per moodle anche se mi pare non sia aggiornato a questa release 4. Bisognerebbe capire dove trovare un server in cui gira tutto liscio e con buona disponibilità di banda (mi pare che voi usiate aruba?). Se hai tempo e voglia se ne parla, ciao Stefano

  4. 4 Paolo
    26 novembre 2008 alle 23:42 Quota

    @Stefano: ho scritto di ignorare le richieste di aiuto nel senso di help desk, non che non rispondo a chi mi contatta per parlare, altrimenti che l’ho messi a fare i miei contatti?! :)

    La cosa sembra molto interessante, appena ho tempo ci do uno sguardo :) Grazie della segnalazione. Ovviamente poi ne possiamo parlare insieme via msn o skype!

    Ciao, Paolo.

Lascia un commento

Nome

Email (non verrà pubblicata)

Sito web (opzionale)

Quanto fa 1 + 2 ? (protezione antispam)




Seguici anche su Facebook

Per visualizzare questo contenuto è necessario accettare i cookie inviati dai Social Network.
Clicca qui per abilitare tutti i cookie per questo sito web.

Hai bisogno di un sito web?

Web&Dintorni