Archivio per dicembre, 2007 pagina 2 di 2



Dic
19

Calendario dei saldi invernali 2008, regione per regione

Prendo spunto dall’articolo del mio amico Carmine per informarvi, regione per regione, sulle date di svolgimento dei saldi invernali 2008:

ABRUZZO
5 gennaio – 18 febbraio
BASILICATA
7 gennaio – 7 marzo
CALABRIA
15 gennaio – 28 marzo
CAMPANIA
Periodi individuati dai singoli Comuni
EMILIA-ROMAGNA
5 gennaio – 5 marzo
FRIULI VENEZIA GIULIA
12 gennaio – 31 marzo
LAZIO
per 6 settimane consecutive
a partire dal 5 gennaio
LIGURIA
per massimo 45 giorni
a partire dal 6 gennaio
LOMBARDIA
per massimo 60 giorni a
partire dal 5 gennaio
MARCHE
5 gennaio – 1 marzo
MOLISE
15 gennaio – 28 febbraio
PIEMONTE
dal 1 gennaio al 31 marzo
PUGLIA
5 gennaio – 28 febbraio
TOSCANA
7 gennaio – 7 marzo
SARDEGNA
8 gennaio – 8 marzo
SICILIA
5 gennaio – 5 marzo
UMBRIA
7 gennaio – 7 marzo
VALLE D’AOSTA
10 gennaio – 31 marzo
VENETO
5 gennaio – 28 febbraio
PROVINCIA DI TRENTO
7 gennaio – 29 febbraio
PROVINCIA DI BOLZANO
7 gennaio – 16 febbraio

Ricordate: i saldi sono generalmente una buona occasione per fare dei buoni affari, ma non è tutto oro quello che luccica e, in alcuni casi, si può incorrere in vere e proprie fregature! Per cercare di evitarle, vi consiglio di leggere (se non l’avete già fatto) questo mio articolo!

Buono shopping ;-)

Dic
17

Links della settimana (21)

Come ogni settimana, ecco una nutritissima ed accurata selezione di links che pongo alla vostra attenzione:

P.S. se avete trovato utile questo o qualche altro mio articolo, prendete in considerazione la possibilità di farmi una donazione, soprattutto ora che si avvicina Natale e che devo pagare le rate del nuovo computer! Grazie in anticipo :-)

Dic
15

Il mio auto-regalo di Natale: Apple iMac alluminio 20”

Chi si aspettava il solito post del venerdì sarà rimasto deluso.. scusate ma ero troppo preso a smanettare con il mio auto-regalo di Natale: si tratta dell’Apple iMac alluminio 20″ acquistato (o meglio ritirato, visto che non ho ancora cacciato un euro e dopo vi spiegherò il perchè) ieri pomeriggio presso la Ormi Computers di Sambuceto!

Prime impressioni

Mi spiace, ma non ho scattato alcuna foto dell’unpacking, perchè ero troppo ansioso di “vedere all’opera” il computer. La prima cosa che mi ha colpito è, manco a dirlo, l’estetica: è molto più bello che in fotografia! Inoltre, a causa del massiccio utilizzo dell’alluminio, si ha la sensazione di essere di fronte ad un computer di fascia molto più alta rispetto a quella a cui appartiene, tanto da far fare brutta figura anche all’iMac con case in plastica bianca.

L’hardware

La mia scelta, per questioni economiche, è ricaduta sul modello entry level da 20″ che, di listino, costa € 1.199 ed è equipaggiato con: processore Intel 2 GHz Core 2 Duo, 1 GB di RAM, scheda grafica ATI Radeon HD 2400 XT con 128MB di memoria GDDR3 e hard disk SATA da 250GB. Inoltre, ha in dotazione una porta FireWire 800 e tre porte USB 2.0 (una delle quali può essere utilizzata per ricaricare l’iPod anche quando l’iMac è in Stop). Completano la dotazione di serie: iSight (meglio integrata nel case in alluminio), SuperDrive 8x a doppio strato; AirPort Extreme (802.11n), Bluetooth 2.0+EDR, telecomando Apple Remote, Tastiera in alluminio (praticamente identica a quella in dotazione con i portatili Apple e che include due porte USB 2.0) e Mighty Mouse. Infine, gli altoparlanti, situati nella parte inferiore del case, risultano migliori della serie precedente e non è necessario acquistare una coppia di casse supplementari per godersi musica, video e giochi.

Schermo

Lo schermo è uno dei componenti maggiormenti criticati di questi nuovi iMac, poichè molti utenti non apprezzano il display lucido (o glossy, che dir si voglia). La mia impressione è che sia ottimo per guardare film, foto o per giocare per via dei colori molto più brillanti e luminosi rispetto a quelli degli iMac con schermo opaco. Probabilmente, qualche problema potrebbero averlo gli utenti professionali (come fotografi, grafici, etc.etc.) proprio per via della spiccata luminosità.

Prestazioni

Non ho ancora avuto il tempo di effettuare nessun tipo di benchmark ma, ad occhio, il sistema è davvero molto performante sia con Mac OS X Leopard che con Linux e Windows.

Perchè acquistare un iMac (o un computer Apple in genere)

Mi succede spessissimo di parlare del mondo Mac con amici e conoscenti e capita quasi sempre che, ad un certo punto del discorso, il mio interlocutore obietti che i prodotti Apple costino molto. Sì, è vero, i prodotti Apple costano mediamente di più rispetto alla concorrenza, ma è innegabile anche che Apple fa, quasi sempre, prodotti di assoluta qualità (oltre ad essere bellissimi esteticamente), che l’assistenza è praticamente perfetta, che Mac OS X è il miglior sistema operativo desktop e che è possibile far girare sulla stessa macchina, in maniera nativa, legalmente e senza comprare altro software (licenza di Windows, esclusa, ovviamente), Mac OS X, Windows e Linux/*unix. Vi pare poco?!

Come risparmiare qualche soldino

Come dicevamo qualche riga fa, i prodotti Apple costano un po’ di più rispetto alla concorrenza. Vediamo come risparmiare qualche soldino:

  • siete studenti o docenti? Bene! Potete avete fino al 7% di sconto sui computer Apple!
  • siete docenti di ogni ordine e grado, anche non di ruolo con incarico annuale, nonchè personale docente presso le università statali? Sì?! Fantastico: avete la possibilità di acquistare un personal computer nuovo di fabbrica entro il 31/12/2007 e detrarre dalla denuncia dei redditi 2008 il 19% delle spese sostenute per l’acquisto fino ad un importo massimo di 1000 euro. Per ulteriori informazioni clickate qui.
  • come se non bastasse, in occasione delle festività natalizie, Apple ha deciso di promuovere una interessante iniziativa: coloro che compreranno un Mac fino al 14 gennaio 2008 potranno scegliere di pagare con un finanziamento in 10 rate a tasso zero (tan 0%, taeg 0%). Per conoscere i termini e le condizioni di questa offerta, clickate qui.

Io, sfruttando tutti gli sconti/finanziamenti citati precedentemente, e al netto della detrazione sulla denuncia dei redditi 2008: pagherò l’iMac circa € 950 in 10 comode rate mensili di circa € 95 cadauna. Un bel risparmio, vero?!

Considerazioni finali

So che potrei sembrare banale e scontato, ma i nuovi iMac sono davvero fantastici sotto ogni punto di vista. Se avete qualche soldino da spendere per un nuovo pc non posso che consigliarvi questo ottimo prodotto e poi, con i “trucchetti” illustrati precedentemente, potrete averlo risparmiando anche qualche soldino!

AGGIORNAMENTO DELLE 23.45 DEL 16/12/2007

A testimonianza del fatto che l’iMac l’ho acquistato veramente (!), ecco una bella fotografia di come l’ho sistemato sulla mia scrivania. E’ davvero maestoso, vero?!

iMac

P.S. se avete trovato utile questo o qualche altro mio articolo, prendete in considerazione la possibilità di farmi una donazione, soprattutto ora che si avvicina Natale e che devo pagare le rate del nuovo computer! Grazie in anticipo :-)

Dic
12

Perle di saggezza (4)

Torna l’appuntamento con la rubrica Perle di Saggezza, pensieri su cui riflettere..

  • La nostra Forza interiore è direttamente proporzionale alla capacità di riconoscimento e ammissione delle nostre debolezze. (Praj)
  • Il vero amore è amare chi vi odia; amare il prossimo, anche se non vi fidate. (Mohandas Karamchand Gandhi)
  • Prego per tutti noi, oppressore e amico, che insieme si possa riuscire a costruire un mondo migliore attraverso l’amore e l’umana comprensione, e che in tal modo si possano ridurre il dolore e la sofferenza di tutti gli esseri viventi. (Tenzin Gyatso, XIV Dalai Lama)
  • Il Buddha paragonò la gente a quattro tipi di vasi di coccio. Il primo tipo ha dei buchi sul fondo: per quanta acqua ci si metta, viene sempre fuori; quando una persona di questo tipo viene a conoscenza del Dhamma, gli entra da un orecchio ed esce dall’altro. Il secondo tipo di vaso è crepato: se ci si versa dentro il Dhamma, ne vien fuori lentamente, finché non si svuota del tutto. Il terzo tipo è pieno fino all’orlo d’acqua stagnante: convinzioni e opinioni. Non vi si può versar dentro nulla di nuovo, perché sanno già tutto. L’unico recipiente utile è quello del quarto tipo, senza buchi né crepe e completamente vuoto. (Ayya Khema)
  • La mente diventa chiara e serena quando si coltivano le qualità del cuore: amicizia per il leggiadro, compassione per il sofferente, felicità per il puro e imparzialità per l’impuro. (Patañjali)
  • La cosa più bella che possiamo sperimentare è il mistero. È la fonte di tutta l’arte e della scienza. La persona cui quest’emozione è estranea, che non riesce più a fare una pausa per stupirsi e farsi rapire dalla meraviglia, è come un morto: ha gli occhi chiusi. (Albert Einstein)
  • È il nostro atteggiamento mentale a rendere il mondo ciò che esso è per noi. È il nostro pensiero a rendere le cose belle oppure brutte. Il mondo intero è nella nostra mente. (Swami Vivekananda)

Fonti: Perle di saggezza e Risveglio Interiore

Dic
10

Links della settimana (20)

Come ogni settimana, ecco una nutritissima ed accurata selezione di links che pongo alla vostra attenzione:

Dic
08

Free Tibet (ma anche Free Italy)

Prendo dal blog di Beppe Grillo e riporto interamente:

Dalai_Lama.jpg

Il Dalai Lama mi ha onorato di un incontro privato a Milano. Il Papa non ha voluto riceverlo, il presidente Napolitano neppure, Prodi è dato per disperso e il dalai-lema non lo vuole alla Farnesina. Camera e Senato non hanno ritenuto di doverlo ospitare ufficialmente. La Moratti ha deciso di usare prudenza, lo vedrà, ma insieme ad altri premi Nobel per non dare troppo nell’occhio. Dicono che si vestirà da monaca di clausura per non farsi riconoscere. Solo Formigoni, onore al merito, lo vedrà in via ufficiale. Siamo al trionfo della viltà. Il Dalai Lama è anche premio Nobel per la pace, oltre che guida spirituale dei buddisti tibetani e massima autorità temporale del Tibet.
Quando la Cina era solo comunista il Dalai Lama veniva ricevuto da tutti, ora che la Cina è ipercapitalista il Dalai Lama è oscurato. Il dio denaro è la più forte tra le divinità italiane. Templi in suo onore sono presenti al centro di tutte le città, sono le nuove chiese: le banche, le assicurazioni.
Uno degli uomini più importanti del mondo è trattato come un cane in Chiesa. La Confindustria è salva, l’Italia un po’ meno. Che differenza c’è tra la democrazia cinese e la nostra? Una sola, da loro la pena di morte è esplicita, ti sparano. Da noi ti isolano, ti diffamano, ti trasferiscono. Solo se è necessario ti ammazzano. E’ una dittatura buona. L’omicidio è solo l’ultima risorsa.

Il Dalai Lama in Cina è cancellato dalla Rete, se inserisci il suo nome sui motori di ricerca non lo trovi, in Italia questo non è ancora possibile. E la Rete parla di lui, mentre gli altri media minimizzano, tagliano, disinformano.
Il Dalai Lama mi ha regalato una sciarpa bianca, gli ho promesso che sarò per lui il Richard Gere italiano per la liberazione del Tibet. L’ho visto un po’ perplesso forse perchè sono più bello di Richard. Il blog farà il possibile per dare informazioni sul Tibet. Per un Tibet libero. Conto sul vostro aiuto.

Se quanto scritto dal buon Beppe è vero, è un fatto davvero gravissimo e, se devo essere sincero, in questo momento mi vergogno di essere italiano.

Ah, vediamo di organizzarci anche per rendere l’Italia un paese davvero libero, perchè abbiamo solo l’illusione della libertà e, quanto accaduto, ne è l’ennesima dimostrazione.

Dic
05

Guardare partite di calcio, tennis e altri sport gratis tramite Internet con Sportstreaming

SportChi di voi non hai mai desiderato di vedere gli eventi sportivi completamente gratis?! Oggi c’è la soluzione: Sportstreaming, ovvero un sito tutto in italiano che permette di vedere partite di calcio (Serie A, Champions League ma anche la Bundesliga, Liga Spagnola, Premier League, etc.etc.), incontri di tennis, il golf, il basket e tanti altri sport in maniera completamente legale, senza violare la legge (almeno a loro dire!) grazie allo streaming (ovvero un metodo di trasmissione di file audiovisivi in tempo reale tramite Internet).

Tutto questo è possibile grazie al p2p (sì, lo stesso sistema utilizzato dai programmi di file sharing): quando i vari utenti si collegano al canale, scaricano inizialmente il flusso audio/video dal traker (ovvero la “fonte” dello stream) e, successivamente, si scambiano in automatico il canale tra loro. In questo modo si possono collegare infiniti utenti ad uno stesso canale, mantenendo comunque un’ottima qualità del flusso audio e video ricevuto.

Il portale è diviso in varie sezioni: nella home page c’è la lista degli eventi del giorno e, per ognuno di essi, è specificato il tipo di programma necessario per visualizzarlo (sono tutti software gratuiti che potrete scaricare dalla pagina dei Programmi, dove troverete anche i link per scaricare le guide per il loro utilizzo). Ah, ovviamente, la maggior parte degli eventi non è in lingua italiana poichè lo streaming viene trasmesso da tv straniere anche se, per alcuni eventi, è possibile ascoltare anche la telecronaca in italiano!

Concludendo, non posso che consigliarvi di approfittare di questa ottima risorsa e auguravi buona visione :-)

Fonte immagine: BeliceWeb

Dic
03

Links della settimana (19)

Come ogni settimana, ecco una nutrita ed accurata selezione di links che pongo alla vostra attenzione:

Dic
01

I bei tempi passati: noi che..

Forse i più giovani non capiranno, ma questo post strapperà più di un sorriso a chi, come me, è nato alla fine degli anni settanta / inizio degli anni ottanta:

Noi che la penitenza era ‘dire fare baciare lettera testamento’.
Noi che i pattini avevano 4 ruote e si allungavano quando il piede cresceva.
Noi che chi lasciava la scia più lunga nella frenata con la bici era il più figo.
Noi che il Ciao si accendeva pedalando.
Noi che suonavamo al campanello per chiedere se c’era l’amico in casa.
Noi che dopo prima partita c’era la rivincita, e poi la bella, e poi la bella della bella…
Noi che giocavamo a ‘Indovina Chi?’ e conoscevamo tutti i personaggi a memoria.
Noi che giocavamo a Forza 4.
Noi che giocavamo a nomi, cose, animali, città.. (e la città con la D era sempre Domodossola).
Noi che ci mancavano sempre quattro figurine per finire l’album Panini.
Noi che avevamo il ‘nascondiglio segreto’ con il ‘passaggio segreto’.
Noi che ci divertivamo anche facendo ‘1,2,3 Stella!’.
Noi che giocavamo a ‘Merda’ con le carte.
Noi che le cassette se le mangiava il mangianastri, e ci toccava riavvolgere il nastro con la bic.

Continua la lettura di ‘I bei tempi passati: noi che..’




Seguici anche su Facebook

Per visualizzare questo contenuto è necessario accettare i cookie inviati dai Social Network.
Clicca qui per abilitare tutti i cookie per questo sito web.

Hai bisogno di un sito web?

Web&Dintorni