Archivio per maggio, 2007 pagina 2 di 2



Mag
16

Rilasciato WordPress 2.2

Con un po’ di ritardo sulla tabella di marcia degli sviluppatori, è da oggi disponibile per il download la versione 2.2 di WordPress (lo strumento grazie al quale funziona questo blog).

Ecco alcune delle novità introdotte da questa versione:

  • il plugin WordPress Widgets è incorporato nel codice di WordPress, quindi non è più necessario installarlo a parte
  • supporto completo per i Feed Atom ora, finalmente, alla versione 1.0
  • nuovi filtri di importazione (come quello da Blogger)
  • migliore gestione dei permalink e dei commenti
  • protezione dall’attivazione e/o disattivazione a runtime (se necessario) di plugin che potrebbero compromettere il sistema

Per scaricare WordPress 2.2 clickate qui; per sapere come aggiornarlo dalle versioni precedenti clickate qui.

UPDATE DELLE 3.00 DEL 18/05/2007

Ho aggiornato il blog a WordPress 2.2. Il fatto che non si ancora esploso nulla, mi fa pensare che l’upgrade sia andato a buon fine. O almeno lo spero!

Mag
11

Resuscitare una Fonera morta, con il cavo seriale

Chi, come me, si trova spesso (e volentieri) a smanettare con la Fonera sa quanto sia facile brickarla (ovvero farla diventare, almeno apparentemente, un inutile mattoncino bianco). A me è successo già 2 volte ed era ormai venuto il momento di trovare una soluzione che mi permettesse di recuperarla agilmente, senza richiedere l’assistenza a Fon.

Fortunatamente la nostra amata Fonera, almeno fino alle revisioni del gennaio 2007, è dotata di una porta seriale con segnale TTL: tramite quest’ultima è possibile accedere alla console del sistema che al bootloader RedBoot dal quale è possibile fare diverse cose, prima fra tutte riflashare il firmware tramite protocollo TFTP.

Costruire il convertitore seriale per interagire con la Fonera ed effettuare le operazioni elencate sopra, però, non è così facile (ma chi è esperto di elettronica può trovare informazioni su come farlo qui) specie per chi, come me, è totalmente incompetente in materia.

Per i motivi citati sopra, ho deciso di acquistarlo su eBay, ma i costi, almeno in Italia, sono proibitivi (in relazione al prezzo della Fonera, intendo): i prezzi variano dai 13 ai 20 euro (spedizione esclusa), a seconda che sia da montare o già montato e alimentato a 3 o 5 volt. Allora ho cercato all’estero e ho trovato un venditore bulgaro che proponeva l’oggetto dei miei desideri a “soli” 7 euro più spese di spedizione (4,50 euro). L’ho acquistato, pagato subito con Paypal e finalmente stamattina, dopo circa venti giorni di attesa, mi è arrivato il convertitore (basato su MAX232 ) da RS232 a TTL funzionante sia a 3 che a 5 volt (selezionabile tramite un jumper).

Dato che molti di voi che seguono il mio blog sono interessati alla Fonera e che, come detto precedentemente, è facile brickare la Fonera, vi segnalo alcune informazioni sul venditore dal quale ho acquistato io così che, anche voi, possiate acquistare il convertitore a basso costo:

  • username: kuzito
  • negozio eBay: Kuzito Electronics
  • feedback: 99.5% positivi (su quasi 2200 transazioni)
  • titolo dell’oggetto che dovete acquistare: Convertisseur MAX232 : RS232 – TTL

Nel momento in cui sto scrivendo questo articolo, c’è un’inserzione (compralo subito) dell’oggetto reperibile a questo link.

Dopo aver acquistato (o creato) il convertitore è necessario collegarlo al computer da una parte e alla Fonera dall’altra per stabilire una connessione tra i due apparecchi e poter “riflashare” (ovvero ricaricare) il firmware e avere una Fonera funzionante al 100%. Per eseguire tali operazioni, vi rimando a questo ottimo post, che evidenza, passo passo e con un linguaggio comprensibile anche ai meno esperti, tutte le operazioni da eseguire.

N.B. non mi ritengo in alcun modo responsabile di eventuali problemi/controversie/fregature che possano nascere da rapporti di compravendita tra voi e l’utente segnalatovi in questo articolo.

UPDATE DEL 01/08/2007

ATTENZIONE: io ed altri utenti abbiamo notato che i collegamenti TX ed RX del convertitore sono invertiti: ciò vuol dire che dovrete collegare il TX all’RX della Fonera e viceversa.

Mag
09

Internazionali d’Italia di tennis, arrivo!

Quando leggerete questo post (programmato), starò (comodamente) seduto sul pullman che mi (anzi ci, visto che saremo in parecchi..) porterà al Foro Italico a vedere gli Internazionali d’Italia di Tennis, che quest’anno si svolgono dal 7 al 13 maggio.

Da Wikipedia:

Gli Internazionali d’Italia sono il più importante torneo tennistico italiano in campo maschile e femminile, e sono considerati il più importante evento tennistico mondiale in terra rossa, dopo gli Open di Francia (Roland Garros). Fanno parte del circuito Master Series, che raggruppa i 9 tornei più prestigiosi dopo i 4 del Grande Slam. Insieme al già citato Roland Garros, che precede, ed al torneo di Montecarlo, che segue, fa parte del cosiddetto “Slam Rosso”, ovvero il trittico di tornei su terra rossa in sequenza, considerati come i più importanti al mondo su questa superficie, per tradizione.

Si disputano ogni anno, in maggio, la seconda o la terza settimana, sui campi romani del Foro Italico. La prima edizione si svolse nel 1930, e fu vinta dallo statunitense William Tiden. Il torneo si svolse per le sue prime cinque edizioni al Tennis Club Milano. Nel 1935 il torneo maschile si disputò a Roma, mentre quello femminile rimase a Milano. Dall’anno seguente e fino al 1949 il torneo non venne disputato e riprese, sempre al Foro Italico, nel 1950.

E il 13 andrò a vedere anche la finale!

P.S. vamos Rafa!!

UPDATE DEL 10/05/2007

Sono appena tornato da Roma: la giornata è stata davvero stupenda (a parte il gran caldo)!

Abbiamo visto visto parecchie partite (alcune solo a pezzi, altre completamente):

Continua la lettura di ‘Internazionali d’Italia di tennis, arrivo!’

Mag
07

Radio Last.fm e validazione XHTML

L’altro giorno sono capitato, quasi per caso, sul sito di Last.fm e ho notato la possibilità di inserire una radio sul proprio blog.

Come dite?! Non sapete cosa sia Last.fm?! Da Wikipedia:

Last.fm è una radio su internet che è emersa dal suo sito gemello Audioscrobbler nell’agosto 2005. Il sistema costruisce un dettagliato profilo per ogni utente, e include i suoi artisti e canzoni preferiti in un sito web personalizzabile. Le canzoni ascoltate compaiono nel sito dopo averle ascoltate sull’apposita radio oppure tramite un plugin installato nel proprio player. Oggi Last.fm è un sito “progetto” di audioscrobbler, e in tutto il mondo ha avuto una diffusione notevole, per l’ottima gestione e per il potente software di cui è dotato.

Come dicevo, l’idea di inserire una radio sul blog mi è piaciuta subito, quindi ho copiato il codice che propongono loro (indicato, sotto ad ogni radio, con la voce: Incorpora (codice per il blog) ) e l’ho incollato in questo post.

Eseguo la validazione XHTML e.. cavolo, ben 8 errori! Armato di pazienza, ho analizzato il loro codice e l’ho modificando affinchè diventasse valido. Il risultato ottenuto è questo:

<object type=”application/x-shockwave-flash” data=”http://panther1.last.fm/webclient/58/defaultEmbedPlayer.swf” height=”123″ width=”340″>
<param name=”movie” value=”http://panther1.last.fm/webclient/58/defaultEmbedPlayer.swf”> </param>
<param name=”FlashVars” value=”viral=true&lfmMode=radio&radioURL=lastfm://user/bsdlover/neighbours&restTitle=La radio di Last.fm”></param> </object>

Ora, per avere la radio Last.fm (valida XHTML) nel vostro sito/blog, potete fare copia/incolla del codice, modificando solo le stringhe in grassetto:

radioURL=lastfm://user/bsdlover/neighbours&restTitle=”La radio di Last.fm

che cambiano a seconda delle radio selezionate, e incollarlo dove ritenete più opportuno.

Mag
03

Prove tecniche di cambio template

Come vi avevo anticipato qualche giorno fa, avevo, già da un po’, in programma un cambio di template del sito.

Et voilà, dopo parecchio smanettamento su un sito di prova, era venuto il momento di fare una “prova su strada”; il risultato estetico e funzionale non sembra affatto male (tenendo conto che non è ancora esploso nulla..!), ma conto di migliorare ancora qualche particolare.

E voi cosa ne pensate del nuovo layout grafico? Meglio o peggio dell’altro?

Mag
03

Inviti per provare Joost

Vi ricordate di Joost, il programma per vedere la tv di cui vi ho parlato qualche settimana fa?!

Bene, ricorderete anche che avevo messo a disposizione 3 inviti per provarlo, accontentando solo pochi di voi.

Ora ho parecchi inviti (spero illimitati) da regalarvi, quindi fatevi avanti! Per ottenerne uno, scrivete un commento a questo articolo includendo il vostro:

  • nome
  • cognome
  • indirizzo email (vero, visto che l’invito vi arriverà via email!)

P.S. vi ricordo che Joost, almeno per ora, funziona solo su Windows XP (smanettando un po’ si riesce a farlo funzionare anche su Vista) e sui Mac-Intel.

Mag
01

Ricetta del mese: torta alle carote

Questo mese vi propongo la purchase discount medication! cost prednisone walgreens . official drugstore, order prednisone canada. torta alle carote: semplice da fare, nutriente e ottima a colazione!

baclofen online order no prescription baclofen baclofen generic no prescription discount prices baclofen generic us no prescription baclofen buy baclofen Ingredienti:
purchase Topamax

  • 300 gr. di carote crude
  • 150 gr. di mandorle sbucciate
  • 4 uova
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 150 gr. di zucchero
  • 150 gr. di farina
  • ½ bicchiere d’olio d’oliva o di semi
  • ½ bicchiere di latte
  • buy Nolvadex

  • zucchero a velo

Preparazione: Purchase Retin-A

Lavate e pulite le carote, grattugiatele e versatele in una terrina. Tritate finemente le mandorle sbucciate e aggiungetele alle carote. Aggiungete lo zucchero, la farina, le uova, il latte, il lievito e l’olio. Amalgamate il tutto e versate l’impasto in uno stampo imburrato. Mettete la torta nel forno già caldo e fate cuocere a 180 gradi per circa 30 minuti. Lasciate raffreddare il dolce e infine spolverizzatelo con lo zucchero a velo.




Seguici anche su Facebook

Per visualizzare questo contenuto è necessario accettare i cookie inviati dai Social Network.
Clicca qui per abilitare tutti i cookie per questo sito web.

Hai bisogno di un sito web?

Web&Dintorni